rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca Porto Empedocle

"Compra negozio con alcuni assegni e ne denuncia lo smarrimento", condannato 48enne

Due anni e sei mesi di reclusione a Emilio Moscato, la pena è superiore a quella chiesta dal pm

Acquista un’attività commerciale con degli assegni e poi, per non onorare l’impegno economico, ne denuncia il furto. Quasi otto anni dopo i fatti, durante i quali c’è stata un’articolata indagine per mettere a fuoco i fatti, un imprenditore rimedia una condanna per calunnia. Il giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Giuseppe Miceli, ha inflitto due anni e sei mesi di reclusione a Emilio Moscato, 48 anni, di Porto Empedocle.

La pena decisa dal giudice è persino superiore, di sei mesi, rispetto alla richiesta formulata dal pubblico ministero a conclusione della requisitoria. Il processo scaturisce dalla denuncia presentata da un imprenditore, che si è costituito parte civile con l’assistenza dell’avvocato Luigi Troja e ha ottenuto il risarcimento dei danni. La vicenda al centro del processo risale al 7 gennaio del 2012. Moscato, difeso al processo dall’avvocato Michele La Placa, va alla stazione dei carabinieri e denuncia lo smarrimento di alcuni assegni. Fra questi ce n’è uno di 18.000 euro emesso a favore di un imprenditore con cui aveva stipulato una scrittura privata che sanciva un accordo circa le modalità e i tempi di incasso del titolo di credito emesso in cambio della cessione dell'attività.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Compra negozio con alcuni assegni e ne denuncia lo smarrimento", condannato 48enne

AgrigentoNotizie è in caricamento