Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Porto Empedocle

Brucia l'auto di un impiegato di 32 anni, è mistero sulle cause: aperta inchiesta

Accanto a quel che è rimasto della Bmw non sono state trovate bottiglie o taniche sospette, né inneschi vari. La matrice del rogo è ancora in corso d’accertamento

Brucia l’auto, una Bmw, di proprietà di un impiegato trentaduenne. E’ accaduto, nella notte fra domenica e ieri, in via Gramsci a Porto Empedocle. Le fiamme sono state domate, prima che si estendessero e provocassero ulteriori danni, dai vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento. Un via Gramsci anche i carabinieri della stazione di Porto Empedocle che, assieme ai pompieri, si sono occupati del sopralluogo di rito per stabilire, laddove possibile, la natura del rogo. Accanto a quel che è rimasto della Bmw non sono state trovate bottiglie o taniche sospette, né inneschi vari. Ieri, le cause del rogo risultavano essere ancora in corso d’accertamento.

Gli investigatori, come sempre avviene in questi casi, hanno già sentito, ma non è escluso che tornino a farlo nelle prossime ore o nei prossimi giorni, il proprietario dell’autovettura: l’impiegato empedoclino trentaduenne. Fitto è naturalmente il riserbo investigativo sulle eventuali informazioni o dichiarazioni raccolte. Mancano le conferme istituzionali, ma non è escluso – anzi sembrerebbe essere quasi scontato – che i carabinieri abbiano già verificato se in via Gramsci o nelle immediate vicinanze vi siano impianti di videosorveglianza pubblici o privati. Telecamere che, qualora presenti, potrebbero far subito chiarezza sulla natura dell’incendio. Ieri, le indagini venivano portate avanti su un fronte di 360 gradi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brucia l'auto di un impiegato di 32 anni, è mistero sulle cause: aperta inchiesta

AgrigentoNotizie è in caricamento