Balconi pericolanti, il Comune ordina all'Iacp di mettere in sicurezza

Il sindaco: "Entro 15 giorni si dovrà procedere alla rimozione delle parti a rischio e all’esecuzione di interventi di manutenzione straordinaria e consolidamento"

(foto archivio)

Accade anche in estate. E non soltanto d’inverno quando a causa del vento e delle forti piogge, i distacchi di calcinacci sono assai più frequente. E accade anche che il Comune ordini la messa in sicurezza di uno stabile, non ad un privato. Ma all’istituto autonomo case popolari. In piazza Vittorio Pozzo, a Porto Empedocle, c’è un immobile – dell’Iacp appunto – che ha bisogno, e anche urgentemente, d’essere messo in sicurezza. A preoccupare il sindaco Ida Carmina, che ha firmato l’ordinanza di messa in sicurezza, sono i balconi. E c’è bisogno di procedere “alla rimozione delle parti pericolanti e all’esecuzione di interventi di manutenzione straordinaria e consolidamento, anche dal punto di vista statico, nonché – scrive l’amministratore empedoclino - di ogni altra opera ritenuta necessaria a salvaguardia della pubblica e privata incolumità”. Il primo cittadino, come sempre avviene in casi del genere, è stato categorico: “I lavori dovranno avere inizio immediato e comunque entro e non oltre 15 giorni dalla notifica dell’ordinanza sindacale”.

“L’eventuale inottemperanza all’ordinanza comporterà la comunicazione dell’inadempienza all’autorità giudiziaria – ha proseguito, nel provvedimento, il sindaco Ida Carmina - . Gli eventuali danni a persone e cose, derivanti dal mancato rispetto del provvedimento, saranno a carico dei destinatari dell’ordinanza che ne risponderanno in solido in via civile, penale ed amministrativa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco ha disposto inoltre che “fino all’ultimazione dei lavori, i proprietari dovranno garantire la sicurezza delle aree interessate dalla caduta di calcinacci, attraverso l’interdizione del passaggio della zona sottostante, mediante idonea transennatura, adeguatamente segnalata”. E’ poi scontato, ma è stato precisato anche in questo caso, che i “lavori di messa in sicurezza dell’edificio dovranno essere eseguiti sotto la direzione di un tecnico abilitato. A completamento degli interventi, i proprietari dovranno – scrive il sindaco di Porto Empedocle - presentare adeguata relazione tecnico descrittiva dalla quale si dovrà evincere che i lavori sono stati realizzati a perfetta regola d’arte e che non vi è più pericolo per la pubblica e privata incolumità. Vanno prodotti, infine, gli appositi formulari sull’avvenuto conferimento in discarica del materiale proveniente dalle demolizioni”. Adesso, entro i termini indicati dal primo cittadino, spetterà all’Istituto autonomo case popolari di Agrigento intervenire e ripristinare la sicurezza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento