Cronaca

Si incontrano per discutere di un debito, anziano preso a sprangate

Il quarantaseienne, che avrebbe dovuto restituire poco meno di mille euro, è stato denunciato alla Procura per lesioni gravi. E' stato lui stesso a presentarsi in commissariato

L'ospedale di Agrigento dove è stato ricoverato l'anziano

Avrebbero dovuto incontrarsi per discutere di un debito da onorare e, dunque, di un credito da riscuotere. Da una parte, il creditore che reclamava il pagamento di poco meno di mille euro. Dall'altra, il debitore. La discussione fra i due - stando alle ricostruzioni ufficiali della polizia di Stato - s'è però ben presto fermata. Il quarantaseienne empedoclino, colui che secondo la vittima avrebbe dovuto estinguere il dovuto, si sarebbe presentato all'appuntamento - in via Roma, a Porto Empedocle - "armato" di un tubo di ferro lungo 75 centimetri.

Tubo che avrebbe usato per colpire il sessantanovenne: il creditore. L'anziano è finito per terra, in una pozza di sangue. Qualcuno ha lanciato l'Sos, chiamando sia una autoambulanza del 118 che la polizia di Stato.

I poliziotti del commissariato "Frontiera", domenica pomeriggio, si sono precipitati in via Roma. Il sessantanovenne è stato portato al pronto soccorso dell'ospedale "San Giovanni di Dio". Inizialmente, nonostante la brutta ferita al capo, non sembrava gravissimo. Ieri, invece, - stando sempre alle ricostruzioni della polizia di Stato - i medici hanno riscontrato una frattura al cranio ed hanno diagnosticato una prognosi di almeno trenta giorni. L'anziano ieri era ancora ricoverato.

Poco dopo l'aggressione, i poliziotti del "Frontiera" erano riusciti - grazie alla testimonianza della vittima - a ricostruire i fatti ed avevano identificato il presunto responsabile. L'empedoclino si è però, nel frattempo, spontaneamente presentato in commissariato dove ha raccontato la sua versione dei fatti.

Il quarantaseienne è stato, naturalmente, denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. Dovrà rispondere dell'ipotesi di reato di lesioni personali gravi. E' stato lo stesso empedoclino, in un'ottica di piena collaborazione, a fornire alla polizia le indicazioni per ritrovare il tubo di ferro che è stato, poi, una volta recuperato, posto sotto sequestro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si incontrano per discutere di un debito, anziano preso a sprangate

AgrigentoNotizie è in caricamento