rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Porto Empedocle

Vendica gli abusi alla sorella staccando l'orecchio a morsi al suo aggressore, racconto choc in aula

Un testimone rivela di avere cercato di dividere i protagonisti della contesa: "E' stato inutile, aveva il sangue nella bocca"

"Ho provato a separarli ma è stato inutile. Ho visto Eterno mordergli l'orecchio e sputarlo, aveva la bocca piena di sangue".

Racconto choc in aula al processo a carico di due persone che scaturisce da una violenta rappresaglia che sarebbe scattata per vendicare le molestie ai danni della sorella di uno dei due. Pietro Eterno, 43 anni, in particolare, avrebbe palpeggiato una ragazza per strada. C.G., 26 anni (di cui si omettono le generalità complete per non violare la privacy della sorella, presunta vittima di reati sessuali), è accusato di lesioni personali gravissime con l’aggravante di avere provocato alla vittima uno sfregio permanente del viso: questo perchè, dopo avere assistito alla scena dal balcone, sarebbe sceso e avrebbe aggredito a morsi Eterno.

"Ho provato a separarli - ha detto in udienza un amico che era per strada quel giorno rispondendo anche ai difensori degli imputati, gli avvocati Salvatore Collura e Luigi Troja - ma è stato del tutto inutile". L'episodio, avvenuto per strada a Porto Empedocle, risale al 27 ottobre del 2015. Eterno, sembrerebbe in stato di ubriachezza, avrebbe iniziato a molestare per strada la sorella dell’altro imputato, una ragazza che allora aveva venticinque anni. Il fratello avrebbe notato la scena dall’alto. Eterno, in particolare, in “maniera repentina”, per evitare che la stessa ragazza potesse impedirglielo, le avrebbe toccato un seno e, contemporaneamente, le avrebbe rivolto un invito poco elegante ad andare a casa sua per fare sesso.

La ragazza avrebbe iniziato a gridare, dopo essere stata palpeggiata, attirando le attenzioni del fratello che aveva assistito alla scena. In pochi minuti sarebbero scesi numerosi familiari della ragazza per strada e ne sarebbe sorta una vera e propria scazzottata.

Il più esagitato sarebbe stato il fratello che avrebbe aggredito con un morso sull’orecchio destro Eterno staccandogli quasi interamente il lobo. Sul posto intervennero subito le forze dell’ordine ma non scattarono provvedimenti cautelari. Mentre Eterno si fece medicare l’orecchio che, in pratica, gli fu amputato quasi interamente, la polizia identificò i presenti e redasse un’annotazione di servizio inviata alla Procura della Repubblica.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendica gli abusi alla sorella staccando l'orecchio a morsi al suo aggressore, racconto choc in aula

AgrigentoNotizie è in caricamento