Gestione e commercio di rifiuti, scatta un sequestro a Siculiana

La polizia provinciale sta portando avanti anche una raffica di ispezioni e verifiche sugli impianti di depurazione delle acque reflue in tutti i 43 Comuni della provincia

Pattuglie della polizia provinciale

Ispezioni e verifiche sugli impianti di depurazione delle acque reflue. Controlli sulle  attività di gestione, di intermediazione e di commercio dei rifiuti e sulle ditte. Ma anche vigilanza su parchi e riserve per la tutela dell'ambiente, comprese flora e fauna. 
La polizia provinciale di Agrigento ed i tecnici del settore Territorio ed Ambiente del Libero consorzio comunale, dopo le direttive del commissario straordinario del Libero consorzio, Roberto Barberi, hanno già stilato un calendario dei controlli.  

Già nei giorni scorsi il corpo di polizia provinciale ha sottoposto a sequestro giudiziario un’area, all’interno di una impresa di Siculiana, nella quale era stato depositato un cumulo di circa 35 metri cubi di rifiuti speciali non pericolosi, provenienti da costruzione e demolizione. 
Controlli saranno effetuati anche sui centri di rottamazione dei veicoli fuori uso e sugli impianti artigianali o industriali. Confermati, anche per la prossima stagione di molitura delle olive, anche i controlli sugli oleifici. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento