menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Polizia penitenziaria senza benzina, impossibile trasferire detenuto: processo rinviato

Manca il carburante ed il detenuto Pietro Capraro resta in carcere. Salta l'udienza dell'inchiesta antimafia "Parcometro". Sul banco degli imputati, davanti ai giudici della prima sezione penale, ci sono tre agrigentini

Niente processo, manca la benzina. L'assenza del carburante non ha permesso di effettuare la traduzione dal carcere Pagliarelli di Palermo al Tribunale di Agrigento per Pietro Capraro, 27 anni, imputato nell'operazione antimafia "Parcometro". Insieme a Capraro, davanti ai giudici della prima sezione penale presieduta da Giuseppe Melisenda Giambertoni, ci sono Vincenzo Cacciatore, 47 anni, e Nicolò Vasile, 22 anni. 

Ieri dovevano essere ascoltati i due parcheggiatori abusivi ai quali sarebbe stato imposto il pizzo. Ad ascoltarli doveva esserci il pm della Dda Rita Fulantelli; in aula anche gli avvocati difensori Salvatore Pennica, Giovanni Castronovo, Enrico Quattrocchi e Pietro Magliano. Ma l'udienza è stata rinviata in quanto la direzione del carcere con una nota scritta ha fatto presente il disagio. Processo rinviato al 14 gennaio per l'impossibilità trasportare il detenuto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento