menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alcuni studenti incontrati durante il progetto

Alcuni studenti incontrati durante il progetto

Concluso il progetto "Train to be cool", la Polfer ha incontrato migliaia di studenti

L'iniziativa ha interessato anche la provincia di Agrigento ed era finalizzata a istruire i giovani e i giovanissimi su un uso consapevole del treno

Anche quest'anno scolastico è stato intenso il lavoro effettuato dalla Polizia di Stato nelle scuole, tra gli studenti, con numerosi progetti e iniziative legati alla legalità, fra cui “Train to be cool” curato della Polizia Ferroviaria.

Tale progetto oltre all’educazione alla legalità ha anche il fine di istradare alla sicurezza in ambito ferroviario, raggiungendo, a differenza degli altri anni, anche gli istituti primari. In Sicilia sono stati effettuati circa 90 incontri negli istituti di ogni ordine e grado che hanno interessato 9943 studenti, tra cui quelli della provincia di Agrigento.

Al centro di tutte le attività sono stati gli studenti che, dopo essere stati informati dei pericoli, più o meno nascosti, dell’ambiente ferroviario, sono stati messi alla prova dai poliziotti attraverso quiz e giochi per testarne l’attenzione, l’influenzabilità nell’ambito di un gruppo e la capacità di svolgere più azioni in contemporanea. In particolare sono stati affrontati i rischi legati all’attraversamento dei binari o dei passaggi a livello chiusi, l’uso del cellulare e delle cuffiette quando si è nelle vicinanze dell’ambiente ferroviario, l’importanza di rimanere distanti dalla linea gialla, il rischio legato ai selfie estremi ecc. In diverse circostanze, dalle “lezioni teoriche”, si è passati alla “prova pratica” attraverso viaggi a bordo treno accompagnati dagli operatori della Polizia Ferroviaria per meglio evidenziare cosa accade e come comportarsi quando si ci muove con il treno. Questa esperienza “live” ha riscontrato grande entusiasmo soprattutto nelle classi primarie in quanto molti bambini non erano mai stati a bordo treno. Nel corso dei “live” gli studenti hanno avuto anche la possibilità di visitare la Sala Operativa della Polfer e, grazie alla collaborazione di Trenitalia e di Protezione Aziendale, anche le rispettive sale operative ed altri ambienti ferroviari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento