rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Cronaca

"Pizzo sulla busta paga dei dipendenti", al via processo per imprenditore

L'uomo è accusato di estorsione e falsità commessa da incaricato di pubblico servizio

Iniziato il processo a carico di Pietro Galvano, 69 anni, di Raffadali, presidente della cooperativa “Il Girasole” che si occupa di assistenza sociale. L'uomo è accusato di estorsione e falsità commessa da incaricato di pubblico servizio. L’indagine della procura di Agrigento e della Squadra mobile, che ha portato alla decisione del giudice di mandarlo a processo, scaturisce dalla denuncia presentata nell’agosto del 2016 da una ex dipendente della cooperativa sociale. Un’infermiera, indicata come vittima del presunto tentativo di estorsione, alla prima udienza si è costituita parte civile con l’assistenza dell’avvocato Floriana Salamone.

"Pizzo sulla busta paga", infermiera si costituisce parte civile

Lo stesso hanno fatto altri dipendenti, assistiti dagli avvocati Giuseppina Ganci, Nicola Grillo e Angela Riggio. Il difensore dell’imputato, l’avvocato Andrea Arrabito, aveva chiesto, ai fini della strategia difensiva, di ascoltare un’intercettazione disposta nell’ambito dell’indagine.

Il meccanismo ipotizzato dalla Procura è quello consueto. Galvano, secondo il pm Carlo Cinque, trasferito nelle scorse settimane, avrebbe costretto i dipendenti a restituire parte degli stipendi per un totale di oltre 100 mila euro. Presenti ieri mattina all'udienza tutte le donne che hanno denunciato Galvano, in tre si sono costituite parte civile, le altre figurano come parti offese. La prossima udienza sarà il 6 novembre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pizzo sulla busta paga dei dipendenti", al via processo per imprenditore

AgrigentoNotizie è in caricamento