Domenica, 14 Luglio 2024
La polemica

Piscina comunale, la caldaia? L'assessore è netto: "Era a rischio esplosione"

A dirlo durante il question time è stato Costantino Ciulla: fino ad un mese fa si era avviato un braccio di ferro con la proprietà

La caldaia della piscina comunale? "Non è più attivabile perché a rischio scoppio, nel vero senso della parola".

A dirlo, durante il question time di alcuni giorni fa, è stato l'assessore allo Sport Costantino Ciulla che, rispondendo ad una interrogazione della consigliera Roberta Zicari è tornato su un tema molto dibattutto e rispetto al quale, a ben vedere, non sembra si sia fatta chiarezza. 

Secondo la ricostruzione del componente della giunta, è oggi il malfunzionamento dell'impianto a rendere impossibile la riaperture della struttura sportiva (una delle poche sopravvissute), una caldaia "mal funzionante apprendo già da tempo, da anni, da prima che venisse chiusa per covid, poi abbiamo constatato che questa caldaia non era più attivabile proprio perché i tecnici assolutamente non potevano certificare un impianto che era a rischio scoppio nel vero senso della parola".

Quindi, secondo sempre Ciulla, l'ente ha avviato una interlocuzione con il privato circa un mese fa ed è stato chiarito, dice, "chi e come deve fare le cose. Siamo in attesa del gestore che ci presenti una relazione con relativi preventivi nel frattempo sono aumentati i prezzi anche dei prodotti quindi di conseguenza il bruciatore che si pensa a installare addirittura è aumentato il prezzo. E cosi via. Siamo in attesa, io proprio ho chiamato fino a ieri gestori per dire a che punto siamo, quando si presentate il progetto, la relazione. Quindi a giorni".

Trovato quindi un accordo con il privato? Si spera che, rispetto al passato, non siano poi smentite dai fatti le parole di Ciulla.

Era infatti il 12 febbraio quando l'assessore assicurò che la riapertura era imminente e che soprattutto le spese per la caldaia fossero a carico del Comune. Dopo qualche mese la musica improvvisamente cambiò e si avviò un braccio di ferro con il privato che oggi, pare, si sia risolto. 

Il fatto però che la possibilità di una riapertura continui a rimanere senza una data precisa, forse, non è un buon segnale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piscina comunale, la caldaia? L'assessore è netto: "Era a rischio esplosione"
AgrigentoNotizie è in caricamento