rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Il "Pirandello Stable Festival" rende omaggio al nonno del drammaturgo

I componenti dell'equipe Mario Gaziano, Dario Costantino, Giugiù Gramaglia, Maria Grazia Castellana, Antonio Zarcone e Andrea Cassaro si sono recati a Malta

Un viaggio della memoria ha caratterizzato cerimonia per il 150esimo anniversario della nascita di Luigi Pirandello, celebrato dal "Pirandello Stable Festival" presso l'Istituto Italiano di Cultura a Malta.  

I componenti dell'equipe Mario Gaziano, Dario Costantino, Giugiù Gramaglia, Maria Grazia Castellana, Antonio Zarcone e Andrea Cassaro, con la consulenza del promoter internazionale Alberto Re e con il frate custode Fra' Paolo hanno voluto rendere un doveroso omaggio alla tomba di Giovanni Ricci Gramitto, nonno materno di Luigi Pirandello esule a Malta, antiborbonico e lì sepolto.

L'equipe del "Pirandello Stable Festival" si è recata presso il convento di Santa Liberata a Calcara nei pressi di La Valletta, dove è sepolto il nonno di Pirandello morto nell'isola dei Cavalieri il 1850 colpito dal morbo del colera.  La chiesa annessa al convento dei cappuccini di Santa Liberata, intitolata a Santa Barbara ha una struttura severa.  

I protagonisti dell'omaggio ad un eroe dimenticato, certo poco conosciuto a Malta e poco ricordato in Italia, hanno visitato sia la chiesa, che parti del convento dove è custodito il simulacro di Santa Liberata, sotto il pavimento della quale, oramai definitivamente murato e inaccessibile, riposano le spoglie di tanti eroi del risorgimento antiborbonico.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il "Pirandello Stable Festival" rende omaggio al nonno del drammaturgo

AgrigentoNotizie è in caricamento