rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Aperta un'inchiesta / Casteltermini

Piccione impiccato alle tegole dell'abitazione: intimidito un quarantenne

Sentito, in sede di denuncia, il "bersaglio": serve capire se la vittima abbia o meno dei sospetti e se abbia avuto dei problemi o delle diatribe con qualcuno. Si indaga, come sempre avviene, sia sul "fronte" privato che su quello professionale della vittima

Un piccione morto, appeso per il collo alle tegole dell'abitazione. È questo il macabro, quanto inquietante, messaggio intimidatorio che è stato rivolto a un castelterminese quarantenne. A fare la scoperta, chiamando subito i carabinieri, è stata la stessa vittima di quello che non può che essere considerato un avvertimento. 

DOSSIER. L'intimidazione al sindaco di Palma: l'attentatore non sapeva dove lasciare la croce con le cartucce e ha letto i nomi sui citofoni

DOSSIER. Amministratori sotto tiro, Sos lanciato già nel 2022 ma l'elenco ha continuato a infoltirsi

L'ANALISI. Confusione, incertezza e sospetti: ecco quali ferite provocano le intimidazioni

Non si tratta, e questo va chiarito subito, di un amministratore. Avvertimenti e intimidazioni fanno però, comunque, male al "bersaglio", qualunque sia la sua qualifica e/o impegno. Ed anche in quest'ultimo caso il castelterminese (che non viene appositamente fatto identificare) s'è rivolto ai militari dell'Arma. I carabinieri sono stati chiamati il sopralluogo e poi hanno incamerato la denuncia a carico di ignoti. È stata, come iter procedurale prescrive, allertata la procura della Repubblica di Agrigento e il sostituto di turno coordinerà, anzi sta già coordinando, l'attività investigativa. Non trapelano indiscrezioni, né dagli investigatori, né dagli inquirenti. Verosimilmente gli specialisti dei militari dell'Arma hanno cercato tracce e indizi di chi, in serata, ha appeso con una corta quel piccione morto all'abitazione del castelterminese. Così come è scontato che sia stata verificata l'eventuale presenza, in zona, di impianti di videosorveglianza pubblici o privati. 

Servirà del tempo, come sempre avviene in questo genere di casi, per cercare di sviluppare le indagini. Sentito, in sede di denuncia a carico di ignoti, naturalmente, il "bersaglio". Anche questo passaggio rientra nell'ordinario iter investigativo. I carabinieri hanno del resto bisogno di capire se la vittima abbia o meno dei sospetti e se abbia avuto o meno, di recente, dei problemi o delle diatribe con qualcuno. Si indaga, come sempre avviene, sia sul "fronte" privato che su quello professionale della vittima. 

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piccione impiccato alle tegole dell'abitazione: intimidito un quarantenne

AgrigentoNotizie è in caricamento