Venerdì, 19 Luglio 2024
"San Giovanni di Dio"

Picchiata dal marito finisce al pronto soccorso assieme alle bambine: donna trova il coraggio di denunciare il violento

Da contrada Consolida è stato lanciato un alert al numero unico d’emergenza e sul posto, in una manciata di minuti, sono accorsi i poliziotti della sezione Volanti della Questura: avviato il "codice rosso"

Litigi e maltrattamenti vanno avanti da tempo. Non sono però mai stati denunciati alle forze dell’ordine perché la trentacinquenne vittima non ha mai trovato – almeno fino alle scorse ore – il coraggio. Finita, in ambulanza, al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio”, la donna adesso ha cambiato idea e ha dichiarato di voler denunciare l’uomo – il marito – che l’aveva selvaggiamente picchiata. E forse il coraggio, questa volta, l’ha trovato perché la donna è stata caricata sul mezzo di soccorso del 118 assieme alle due bambine piccole che non aveva a chi lasciare.

Da contrada Consolida, dall’azienda ospedaliera, è stato lanciato un alert al numero unico d’emergenza, il 112, e sul posto, in una manciata di minuti, sono accorsi i poliziotti della sezione Volanti della Questura. Gli agenti si sono sincerati sulle condizioni di salute della trentacinquenne e delle sue bambine, che non sono state però toccate. I medici del “San Giovanni di Dio” hanno riscontrato ematomi ed escoriazioni sul volto. La trentacinquenne è stata presa a schiaffi e pugni. Guarirà in pochi giorni, ma adesso – stando a quanto è emerso – è arrivato il momento, per la donna, di lasciarsi dietro le spalle l’incubo in cui fino ad ora ha vissuto. I poliziotti hanno attivato, come si è soliti ormai fare in questo genere di casi, il cosiddetto “codice rosso”: sia la donna che le bambine verranno tutelate e protette. L’uomo, inevitabilmente, finirà nei guai con la Procura per maltrattamenti in famiglia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiata dal marito finisce al pronto soccorso assieme alle bambine: donna trova il coraggio di denunciare il violento
AgrigentoNotizie è in caricamento