Cronaca

Cimitero di Piano Gatta, il Cga da ragione al Comune: si riapre il tema della gestione

I giudici amministrativi hanno ritenuta corretta la linea del Municipio dopo due anni circa di continui scontri legali

Piano Gatta, il Cga da ragione al Comune di Agrigento: né la Europa Costruzioni né la Global service avevano le certificazioni necessarie per essere capofila dell'Ati che gestisce il cimitero.

Dopo numerosi "botta e risposta" dinnanzi ai giudici amministrativi è adesso il Consiglio di giustizia regionale che sembra aver tracciato una chiara linea di demarcazione sulla tematica, respingendo il ricorso proposto dal privato e confermando la bontà dell'operato del Municipio, che ha correttamente ritenuto che la società non avesse diritto a ricoprire il ruolo di capogruppo dell’Ati (proprio in mancanza di un certificato, il SOA OG1 classifica VII), e altrettanto correttamente chiesto all’altra società dello stesso raggruppamento, cioè la Consital, la disponibilità di prendere quel ruolo e garantire la gestione del cimitero in project financing.

Completati i lavori di costruzione dei nuovi loculi: sono 58 i posti disponibili

Ed è da quest’ultimo passaggio che riparte la travagliata gestione amministrativa della vicenda: il Municipio dovrà adesso attendere una risposta da Consital, anche se prima bisognerà che si chiarisca chi dovrà pagare i nuovi loculi già costruiti e che sarebbero dovuti servire a seppellire almeno le 30 bare ancora in attesa di sepoltura e a riposizionare quelle che si trovano attualmente sepolte dentro cappelle cimiteriali private. Queste operazioni, dicono da Palazzo dei Giganti, dovrebbero essere comunque garantite.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cimitero di Piano Gatta, il Cga da ragione al Comune: si riapre il tema della gestione

AgrigentoNotizie è in caricamento