Cade nella trappola del cellulare a 2 euro: 54enne vittima di “phishing”

L'uomo ha scoperto i 5 pagamenti non autorizzati su siti web esteri dopo aver fatto l'estratto conto. Ad un altro agrigentino è stata "ripulita" di 200 euro la Postapay utilizzata

(foto ARCHIVIO)

Con l’offerta di un cellulare al prezzo di due euro è riuscito – l’esperto truffatore – ad ingannare la sua vittima: un agrigentino di 54 anni. Perché il telefonino, comprato appunto su internet, non è mai arrivato a destinazione e perché da quel momento – dal 2 al 7 maggio scorso per la precisione – sulla sua Postapay sono stati effettuati ben 5 prelievi: da 59,50 euro a 72 euro. Cinque pagamenti, non autorizzati, su siti web esteri. Una volta fatta la scoperta – grazie all’estratto conto – l’agrigentino è corso all’ufficio Denunce della Questura che si trova alla caserma “Anghelone”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vittima ha raccontato, con dovizia di particolari, ed ha documentato quanto gli era accaduto. I poliziotti della sezione Volanti hanno raccolto la denuncia – a carico di ignoti – e hanno già trasmesso l’incartamento ai colleghi della Postale di Palermo. Verranno, naturalmente, avviate le indagini per provare a dare un nome e cognome a chi ha realizzato il “phishing” che è, appunto, un tipo di truffa effettuata su internet da qualcuno che – fingendosi quale ente affidabile – riesce ad ingannare la vittima convincendola a fornire dati personali, finanziari e codici di accesso alle carte utilizzate per i pagamenti. Ma questa del “phishing” non è stata l’unica denuncia raccolta, nelle ultime ore, dai poliziotti della sezione Volanti. Perché un ventunenne, sempre di Agrigento, s’è visto “ripulire” la carta utilizzata – da marzo a maggio – di ben 200 euro con prelievi che andavano da 32,52 euro a 72,72 euro. Anche in questo caso, naturalmente, è stata formalizzata denuncia a carico di ignoti. Le segnalazioni, alla polizia, avvengono ormai in maniera sistematica: di fatto quotidiana. Le truffe e le frodi informatiche, talvolta anche con modalità bizzarre, aumentano in maniera vertiginosa e a farne le spese non sono soltanto i più inesperti, ma anche chi è, di fatto, abituato ad effettuare acquisti o altre operazioni su internet. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Covid-19, altri due casi in provincia: chiuso ristorante e richiamati tutti i clienti

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, ancora positivi in provincia: a Ravanusa i casi salgono a sette

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento