Nuove petizioni per i Passionisti: "Non lascino il santuario della Madonna della Rocca"

Prosegue nella zona montana il sostegno nei confronti dei padri che dal 1932 ad ora hanno avuto cura della chiesa. Alla notizia delle prime iniziative, che avevano creato allarme tra gli alessandrini, era intervenuto il sindaco Frisco

Il santuario della Madonna ad Alessandria della Rocca

Nonostante l'intervento del sindaco di Alessandria della Rocca, Alfonso Frisco, che a fine marzo rassicurava i fedeli sul fatto che il santuario della Madonna della Rocca non sarebbe stato chiuso, continuano a proliferare le petizioni perchè i Padri Passionisti non debbano lasciare il luogo di culto.

"Le comunità di preghiera San Gabriele di Alessandria della Rocca e di Casteltermini del Movimento laicale passionista promuovono una raccolta di firme per chiedere ai Superiori Passionisti (padre generale e padre provinciale) e all'arcivescovo di Agrigento che i padri passionisti non lascino il santuario della Madonna della Rocca". Questo il testo del documento che per ora gira in molti centri montani, che vive questo fermento anche per la notizia, da confermare, che l'arcivescovo Franco Montenegro avrebbe negato la possibilità di celebrare il Triduo pasquale nella Rettoria, dopo aver sentito il parere del collegio dei vicari episcopali e foranei.

Alla notizia delle prime petizioni, che avevano creato allarme tra gli alessandrini, vicini e lontani, e tra tutti i devoti della Madonna, il sindaco alessandrino aveva dichiarato di non capire "chi e perché ha messo in giro queste false notizie, ma posso rassicurare tutti gli alessandrini e tutti i devoti della Madonna della Rocca - aveva detto in quell'occasione Frisco - che l’amministrazione comunale, in sinergia con la parrocchia e con la Curia, collaborerà attivamente e sosterrà tutte le iniziative volte al rilancio del Santuario come luogo privilegiato del culto mariano",

"Ho cercato di capirci di più e mi sono convinto che la notizia è falsa - ha detto il primo cittadino -. Il nostro parroco don Salvo Centinaro ha smentito tutto ed ha spiegato a tutti i fedeli che, anche nel caso in cui i Padri Passionisti decidano di andare via da Alessandria della Rocca, il Santuario non si chiude, perché appartiene alla Curia di Agrigento che ha sicuramente la volontà di non abbandonare uno dei luoghi più importanti in cui sia apparsa la Madonna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Trova portafogli e lo porta in Questura, 70enne non sapeva d'averlo perso: rintracciato

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento