menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Petizione popolare per il centro di Racalmuto

Il giornale racalmutese "Malgrado tutto" propone il ripristino dell’antico lastricato in alcune...

Il giornale “Malgrado tutto” di Racalmuto, diretto da Egidio Terrana, lancia una proposta al commissario straordinario del Comune di Racalmuto, Giuseppe Petralia, sull’utilizzo dei fondi di compensazione Anas.  Attraverso una petizione popolare il giornale propone il ripristino dell’antico lastricato della via Garibaldi (dalla chiesa dell’Itria alla Matrice), della via Vittorio Emanuele e della via Regina Margherita, davanti al teatro e al municipio, e l’apertura della villa comunale “Gaspare Matrona” senza cancello e inferriata.
 
"Tornare alla pavimentazione con pietra lavica
- afferma il giornale racalmutese in una nota - com’era fino a trenta, quarant’anni fa, quando modernizzazione e cattivo gusto portarono l’asfalto sulle più belle strade di Racalmuto, significherebbe rendere il cuore antico e pulsante del paese ancor più suggestivo, piacevole e confortevole non solo agli occhi dei racalmutesi che vivono qui, ma soprattutto per i turisti che visitano i luoghi di Leonardo Sciascia."

Il giornale sostiene che con i circa due milioni di euro destinati al Comune dall’Anas, si potrebbe realizzare un’opera importante per Racalmuto e il suo centro storico, al fine di ripristinare il centro della vita sociale ed economica della città. Continua dunque la raccolta di firme a cui collaborano i componenti della locale Pro loco e i promotori del blog “Regalpetra Libera Racalmuto”, i quali oltre alla proposta che riguarda il centro storico hanno aggiunto una particolare attenzione alla zona industriale del territorio di Racalmuto, dove attualmente sono in corso i lavori di raddoppio della 640 “Agrigento-Caltanissetta”. La raccolta firme, a cui "hanno aderito - afferma il giorale - molti commercianti ", continuerà anche sabato in uno stand al mercato settimanale.

“Le scelte dei consiglieri comunali non sono quelle dei cittadini – dice Salvatore Picone, animatore del periodico racalmutese – per questo abbiamo deciso di coinvolgere il paese nelle preferenze che riguardano la comunità. Sistemare strade di campagna o ripristinare marciapiedi già esistenti o comunque realizzare piccole opere può risultare dispersivo, un’unica grande opera secondo noi potrebbe lasciare un segno importante al volto del paese”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento