Reti colabrodo e servizio carente: la metà dell'acqua finisce sottoterra

La percentuale, accertata al 2017, è di oltre il 50% su tutto il territorio provinciale, con punte di oltre l'80%

(foto ARCHIVIO)

Di acqua sotto i ponti, anzi, sotto terra, ne è passata tanta da quando le rilevazioni sono state fisicamente realizzate. Ma lo studio diffuso ieri da Openpolis, la piattaforma nazionale di monitoraggio civico, traccia comunque quello che è stato nel recente passato e spiega, chiaramente, perché le nostre città, da sempre, soffrono la "sete".

Lo studio, infatti, traccia le percentuali di acqua che invece che uscire da rubinetti dei cittadini finiscono sotto terra a causa di reti idriche colabrodo e ovviamente della carenza di progetti di recupero e manutenzione delle stesse. Due, come dicevamo, i censimenti a cui fa riferimento: uno su base provinciale che risale al 2017, e che vede la nostra provincia al 51% in media di perdite, e uno del 2015, i cui numeri sono ben più gravi.

In particolare, secondo l'analisi (che usa dati Istat) nei primi 10 comuni con maggior percentuale di perdite idriche nel sottosuolo su base siciliana due sarebbero agrigentini:  Calamonaci (85.82%) e Lucca Sicula (83.73%).  Seguono a distanza Sambuca di Sicilia (81.66%), Comitini (75,68%) e Burgio (75,41%). Migliori le percentuali nei centri più grandi come Licata (47.96%), Sciacca (58.63) e Agrigento (53.49%).

Dati attendibili? Ni. Questo perché innanzitutto si tratta di informazioni molto risalenti negli anni, e poi perchè la percentuale viene realizzata da Istat distinguendo i volumi immessi in rete con i volumi erogati per usi autorizzati. Significa quindi che quell'acqua non finisce solo sotto terra, ma potrebbe essere stata usata da utenze abusive o comunque non registrate.

Inoltre ci sono dei numeri che davvero non tornano, a partire da quelli del capoluogo, dove ci sono tratti particolarmente danneggiati dove l'acqua finisce quasi tutta sotto terra.

Resta l'idea di massima di un fenomeno che, ovviamente, non è tollerabile in una terra che, da anni, vive la "Grande sete".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento