rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca

Pendolaria 2018, la linea Agrigento - Palermo si conferma da "incubo"

Dal rapporto stilato da Legambiente emerge che a distanza di un anno la situazione non è cambiata

Pochi treni, in ritardo e troppo lenti: la linea ferroviaria Agrigento-Palermo resta nella top ten delle peggiori. E' al sesto posto della classifica stilata da Legambiente nel rapporto Pendolaria 2018 e presentata oggi. Praticamente la situazione rispetto all'anno scorso è invariata. La ricerca individua anche 26 opere il cui completamento è sarebbe di enorme utilità per i pendolari perchè potrebbero migliorare la qualità degli spostamenti e della vita di oltre 12 milioni di italiani. Il problema è che mancano le risorse.

"Treni sporchi e sovraffollati", l'Agrigento-Palermo tra le linee ferroviarie peggiori d'Italia

Tra queste infrastrutture rientrano le linee tranviarie di Palermo. Servono 698 milioni di euro ma al momento solo 426 sono disponibili. All'appello mancano dunque mancano ancora 272 milioni. "Alcune linee finanziate - commenta il presidente di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna -  vedranno luce entro il 2022.  Per altre 3 linee si sa solo che i tempi saranno più lunghi ed ancora non si conosce una data”.

I numeri della linea Palermo-Agrigento

l tempo di percorrenza è di un'ora e 55 minuti (per il treno piu’ veloce), la velocità media è di 67 km/h, e sono 12 le coppie di treni che quotidianamente percorrono la linea lunga 137 chilometri ed elettrificata dagli anni '90. Malgrado la domanda di spostamento tra le due città sia molto rilevante, solo una percentuale bassa si sposta in treno e la ragione sta nel fatto che i treni sono pochi rispetto alla capacita’ della linea e risultano molto spesso in ritardo, specialmente nelle giornate di pioggia quando in molte stazioni si allagano i binari e si verificano frane.

Linea ferroviaria Palermo-Agrigento: "Se piove il treno si ferma"

"Nella nostra Isola – conclude Zanna - siamo ancora molto indietro. Un dato emerge in particolar modo: sono stati operati tagli ai servizi (-5,6 per cento) e di contro sono aumentate le tariffe (+11,4 per cento), con grave danno per i tanti pendolari che devono anche convivere con un parco mezzi fra i più vecchi d’Italia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pendolaria 2018, la linea Agrigento - Palermo si conferma da "incubo"

AgrigentoNotizie è in caricamento