rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

"Pedone travolto e ucciso sul viadotto Morandi", niente processo per l'automobilista

Il gip Alfonso Malato ha disposto l'archiviazione dell'inchiesta per la morte del sessantenne Gioacchino Avanzato

Il pedone attraversò la strada improvvisamente e, di conseguenza, l’automobilista che lo investì, uccidendolo, non ha avuto alcuna responsabilità anche perché la velocità di 60 chilometri orari era ampiamente al di sotto dei 90 previsti dalla segnaletica.

Con queste motivazioni il gip di Agrigento, Alfonso Malato, accogliendo la richiesta della Procura e dei difensori dell’indagato, gli avvocati Alberto Infantino e Domenico Minnella, ha archiviato l’inchiesta per omicidio colposo a carico di Rosario Cirasolo, 49 anni, di Porto Empedocle finito sotto inchiesta per omicidio colposo. I fatti risalgono al 20 ottobre di due anni fa.

Un uomo, Gioacchino Avanzato, 60 anni, avrebbe attraversato il viadotto Morandi a piedi venendo investito dall’auto guidata da Cirasolo. Il pedone fu ricoverato prima al San Giovanni di Dio e poi all’ospedale di Sciacca dove morì il 13 novembre. I familiari si erano opposti all’archiviazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pedone travolto e ucciso sul viadotto Morandi", niente processo per l'automobilista

AgrigentoNotizie è in caricamento