menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Sagra del mandorlo", Spataro (Upc): «Dov'è finita la promozione?»

Pasquale Spataro, consigliere comunale del gruppo “Uniti per la Città”, ha scritto all’Amministrazione attiva di Palazzo dei Giganti, per sollecitare l'avvio dell’attività di promozione dell’edizione 2016 della "Sagra del mandorlo in fiore"

Pasquale Spataro, consigliere comunale del gruppo “Uniti per la Città”, ha scritto all’Amministrazione attiva di Palazzo dei Giganti, per sollecitare l'avvio dell’attività di promozione dell’edizione 2016 della "Sagra del mandorlo in fiore".

«In piena estate, eravamo in agosto - sottolinea Spataro - il sindaco annunciò che ad Agrigento si sarebbe finalmente pianificato con anticipo il calendario degli eventi e preventivato ed incisiva campagna pubblicitaria, da far partire nei tempi corretti. Calendario alla mano, siamo a dicembre - osserva il consigliere comunale del gruppo “Uniti per la Città” - e sulla programmazione della kermesse sembra essere calato un silenzio quasi assordante. Nessuna iniziativa di promozione e di rilancio. Eppure c’è chi, come il sottoscritto, spendendosi di persona, ha in questi mesi lavorato concretamente, a fari spenti, per raggiungere questo importante obiettivo.

Come presidente della Commissione Turismo, coinvolgendo gli operatori del settore, le organizzazioni e le associazioni di categoria, sono riuscito a mettere a punto, a costo zero per le casse del Comune, un piano pubblicitario diffuso e capillare attraverso uno spot televisivo nelle emittenti locali, che trasmettono in diverse regioni, con conseguente copertura di tutto lo Stivale. La proposta, incredibilmente - dice ancora Spataro - non trova ancora la condivisione da parte dell’amministrazione comunale.

Non capisco allora, visto che i tempi cominciano ad essere stretti, quali siano le prerogative che muovono l’azione del governo locale che, a fronte di un impegno assunto, rimane incomprensibilmente immobile, vanificando di fatto anche gli sforzi e i sacrifici provenienti da soggetti che operano nel privato. La sagra del mandorlo in fiore e il festival internazionale del folklore rappresentano una vetrina straordinaria per la nostra città, ma senza una tempestiva e significativa campagna pubblicitaria, questo avvenimento continuerà a non produrre nulla, a non lasciare segni concreti e significativi nell’economia locale.

E senza ritorno a beneficio del tessuto produttivo di casa nostra, la kermesse non potrà mai esercitare quel tanto auspicato ruolo di attrattore turistico in termini di volano, finendo per assumere la dimensione, con il rispetto dovuto, di semplice sagra paesana. E la città oggi ha bisogno assolutamente di fare  il salto di qualità, il salto in avanti. Non certamente indietro».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento