rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

“Partorire senza dolore”, ecco il nuovo servizio dell’Asp per le donne in dolce attesa

Un progetto che finalmente diventa realtà grazie alla tecnica della “partoanalgesia” che consente di dare alla luce i figli spontaneamente e con grande sollievo

Si chiama “Parto con il sorriso” il nuovo progetto dell’Asp, pensato per le future mamme, che sarà avviato la prossima settimana. Sarà infatti possibile partorire senza dolore in provincia di Agrigento. Nelle unità operative aziendali di anestesia e quelle di ginecologia ed ostetricia sarà garantito il sollievo dai dolori del travaglio con un incremento dell’offerta assistenziale e, quindi, con maggiore soddisfazione da parte delle pazienti: questo è ciò che l’Asp promette attraverso i nuovi servizi di partoanalgesia.

Ogni donna che lo desidera avrà la possibilità di partorire spontaneamente ma con grande sollievo dai dolori del parto. L’analgesia, cioè l’uso di tecniche o farmaci per lenire il dolore, eseguita su richiesta durante il travaglio e in assenza di controindicazioni, aiuta la partecipazione serena e concentrata delle neo-mamme alla nascita del proprio figlio.

“In linea con gli atti d’indirizzo dell’assessorato regionale alla Salute, l’attivazione del progetto e il potenziamento dei servizi di partoanalgesia – afferma il commissario straordinario dell’Asp Mario Zappia – rappresentano una grande conquista per la sanità agrigentina. Le future mamme del nostro territorio, insieme alle loro famiglie, non saranno più costrette a migrare fuori provincia per scegliere di non soffrire durante il più bel momento della loro vita, cioè la venuta al mondo del loro bambino”.

In seno ai corsi pre-parto, organizzati dalle unità di ginecologia ed ostetricia, verrà inserito un incontro con il medico anestesista che illustrerà a tutte le donne gravide le modalità di esecuzione e sarà disponibile ad eventuali chiarimenti o dubbi. Seguirà poi, intorno alla trentaquattresima settimana di gestazione, una visita pre-anestesiologica durante la quale sarà rilasciato un parere di fattibilità della procedura.

Il “parto con il sorriso” comporta notevoli i benefici per la mamma e, di riflesso, per il suo bambino. Non influisce sul travaglio o sul parto. Con l’analgesia le contrazioni uterine sono nitidamente percepite ma non sono dolorose, viene mantenuta inalterata la sensibilità cutanea, la motilità e la sensazione di contrazione e di spinta. La pratica non compromette la possibilità di allattamento, è a dosaggi ridotti e quindi riduce gli effetti collaterali materni e fetali.

“Una bellissima notizia - ha commentato la deputata regionale Giusi Savarino - che allieterà le future madri di Agrigento: partorire senza dolore è realtà. Voglio ringraziare pubblicamente l’assessore Ruggero Razza e la governance dell’Asp per avere reso possibile il raggiungimento di questo traguardo attraverso il superamento di una serie di tappe che culminano in un grande risultato. Lo dico da sempre: consentire un parto naturale e privo di dolore deve essere la normalità”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Partorire senza dolore”, ecco il nuovo servizio dell’Asp per le donne in dolce attesa

AgrigentoNotizie è in caricamento