Partita della solidarietà, duemila "cuori" allo stadio "Esseneto"

La sfida è stata vinta dall'Akragas, in campo con le vecchie glorie e con parte dello staff tecnico. La nazionale di "Amici" è stata presa d'assalto dai giovani presenti

La partita della solidarietà

Più di duemila tifosi allo stadio “Esseneto”, questa mattina è stato un tripudio di cori e colori. In campo, Akragas e la nazionale di di “Amici” per la partita della solidarietà.

A dare il calcio di inizio, è stato il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto. Il primo cittadino, ha dato il via alla manifestazione. L’evento ha visto presenti anche alcuni giocatori di Akragas e Fortitudo. Pasquale Pane e Antonio Sepe da una parte, Rino De Laurentiis, Albano Chiarastella e Giuseppe Cuffaro dall’altra.

Presente anche parte dello staff della Fortitudo, il team manager Giancarlo Di Simone ha assistito al match a bordo campo, in tribuna anche l’ufficio stampa della società biancazzurra. Per l’Akragas, anche mister Lello Di Napoli e il responsabile della comunicazione, Davide Sardo. L’evento è stato presentato dal giornalista Domenico Vecchio e da Elettra Curto, inviata in mezzo al campo Cetty Nicoletti.

La partita è stata vinta per tre marcature a uno, dall’Akragas. Al triplice fischio finale, è stata invasione di campo. In tante hanno chiesto la foto ai talenti di “Amici”, presi d’assalto dai ragazzi presenti sugli spalti. La partita della solidarietà dà appuntamento al prossimo anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento