rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Il dissenso

Biblioteca intitolata a Marcello Dell'Utri, monta la polemica: "Non in suo nome"

A qualche giorno dalla notizia del progetto per trasformare un immobile nella Valle in sede di un fondo librario arrivano i primi "no"

Una biblioteca in nome di Marcello Dell'Utri nella Valle dei Templi? No grazie. A qualche giorno di distanza dalla notizia formale di una interlocuzione avanzata tra l'ex braccio destro di Silvio Berlusconi e il Parco archeologico per creare una struttura in cui ospitare parte della vasta collezione di libri antichi del senatore forzista iniziano a registrarsi i primi interventi di dissenso.

Durissima in tal senso è un intervento di Ester Vedova, presidente onoraria del circolo Arci "John Belushi", che definisce la biblioteca "un ignobile tentativo di accreditarsi come generoso uomo di cultura da parte di un omertoso, pregiudicato, condannato per mafia, legandosi ad un avvenimento che per sua stessa natura avrà un riverbero nazionale e oltre. Permettere tutto questo è ignobile. Mi auguro che Agrigento, il Parco Archeologico, l'Università, le Istituzioni a tutti i livelli, i partiti e i cittadini democratici, gli intellettuali, sappiano agire di conseguenza".

Netta in tal senso anche la presa di posizione del presidente del circolo "Rabat" di Legambiente Daniele Gucciardo.  “Generalmente - dice - le biblioteche si intitolano a personaggi che hanno promosso la crescita culturale di una comunità, di una nazione o perfino dell'umanità, che hanno dimostrato, cioè, di amare ciò che c'è scritto dentro i libri. Dell'Utri non lo ha ancora dimostrato, è solo un bibliofilo: ama libri come oggetti da collezionare in modo feticista e spericolato - tanto che a Napoli non si accorse che i libri da lui acquistati erano stati trafugati dalla biblioteca Girolami. Per dimostrare di aver fatto tesoro dei suoi e di altri libri, Dell'Utri dovrebbe rinnegare la mafia e il fascismo e restituire i libri a Napoli.”

Dal Parco archeologico al momento non si registra alcuna replica o presa di posizione, mentre i lavori proseguono: Dell'Utri, pare, è stato in città nei mesi scorsi per definire gli ultimi aspetti della vicenda.

Iacono (PD): "No al mausoleo per un condannato per concorso esterno" 

"La nascita di ogni nuova biblioteca non può che essere motivo di gioia, ancora di più se si tratta di un’offerta culturale privata di libri antichi di pregio da ospitare in uno dei beni da recuperare nella Valle dei Templi.
Ritengo sconcertanti le affermazioni dei giorni scorsi fatte alla stampa da Marcello Dell’Utri, senatore berlusconiano già condannato per concorso esterno alla mafia, ma non sono affatto stupita, pur trovando grossolane e ridicole le sue affermazioni e il parallelismo tra questa operazione e la Biblioteca Lucchesiana.
Quella Biblioteca fu donata da un vescovo illuminato e uomo di cultura vissuto nel ‘700, secolo in cui le raccolte bibliografiche private di lungimiranti e raffinati intellettuali divennero biblioteche pubbliche. Lucchesi Palli non volle costruire un tempio per sé, ma uno spazio di elevazione culturale e sociale e un luogo di studio aperto a tutti. E fu la storia a riconoscergli quel valore e i posteri a volergliela intitolare.
Ritengo corretta la decisione di accogliere questa donazione e di restituirla ai cittadini come patrimonio culturale collettivo, ma bisogna impedire un’operazione finalizzata a costruire un grande mausoleo alla memoria - tra l’altro da vivo - di sé stesso, e a soddisfare la propria egoipertrofia. Sono certa che non si eccederà in “cortesie” non necessarie nei confronti di chi ha ancora un enorme debito con il Paese e che deve tanto alla Sicilia onesta".

Lo dice in una nota la deputata Pd Giovanna Iacono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biblioteca intitolata a Marcello Dell'Utri, monta la polemica: "Non in suo nome"

AgrigentoNotizie è in caricamento