menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ruspa in azione per demolire un abuso (foto archivio)

Ruspa in azione per demolire un abuso (foto archivio)

Abusivismo nella Valle, le ruspe torneranno non prima di metà marzo

L'impresa che si è appaltata gli interventi - la ditta Patriarca di Comiso - sta, del resto, ancora portando avanti le demolizioni delle villette di Licata

La seconda tranche di demolizioni dei manufatti abusivi realizzati nella zona "A" del Parco archeologico Valle dei Templi - ossia in un'area ad inedificabilità assoluta - non potrà iniziare prima di metà marzo. Lo ha accertato il sindaco di Agrigento Lillo Firetto. L'impresa che si è appaltata gli interventi - la ditta Patriarca di Comiso - sta, del resto, ancora portando avanti le demolizioni delle villette abusive di Licata.

Aggiudicata la procedura negoziata - che aveva una base d'asta di 33.136 euro - adesso, l'ufficio Urbanistica di palazzo dei Giganti sta definendo con la Procura della Repubblica la data in cui ufficialmente verranno riaccesi i motori delle ruspe. La Procura, il cui input è stato determinante per far ritornare in azione le ruspe, da mesi e mesi ormai, aveva fornito il nuovo elenco di manufatti da demolire. Un elenco che segue il criterio cronologico delle sentenze passate in giudicato. Questo secondo elenco era composto, originariamente, da 13 immobili, ma 4 manufatti abusivi sono stati già autonomamente demoliti.

Anche in questa seconda tranche si procederà in danno agli inadempienti, ossia in danno a coloro che non hanno raso al suolo gli abusi nonostante fossero stati diffidati a mobilitarsi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento