Domenica, 21 Luglio 2024
Turismo

Caos viabilità intorno al Parco, la proposta del direttore: "Ztl nelle strade di accesso alla Valle e più parcheggi"

La polizia municipale ha elevato diverse contravvenzioni domenica scorsa, ma le risorse umane sono ridottissime

Quasi 40mila turisti in quattro giorni. Sono questi i numeri, impressionanti, fatti registrare dalla Valle dei Templi tra sabato e martedì (oltre 24 mila solo nel week end, con la domenica gratuita).

Sono stati giorni in cui il sistema della viabilità cittadina è stato messo a durissima prova: via Panoramica dei Templi, via Passeggiata Archeologica e in parte viale La Loggia si sono riempite di auto, molte delle quali lasciate in sosta in modo letteralmente "selvaggio". A questo si sono aggiunte lunghissime file di mezzi incolonnati, molti dei quali non avevano alcun interesse a raggiungere la zona archeologica ma volevano solo recarsi a San Leone e Villaggio Mosè. Questo, unito ad una sostanziale assenza di controlli, ha portato ad una "tempesta perfetta".

Se si considera che infatti sono stati solo una trentina i verbali della polizia locale sulle strade di pertinenza comunale si capisce come contro questa "marea" umana ci sia poco da fare, se non pensare a soluzioni alternative e strutturali.

"Ad oggi - ci spiega il direttore del Parco, Roberto Sciarratta - non c'è stato ancora modo di realizzare un tavolo comune di confronto con tutti gli enti preposti. Certo è che con i numeri della Valle che crescono sempre di più di mese in mese è chiaro che bisognerà prendere delle decisioni già nell'immediato".

L'afflusso che si prevede per agosto, infatti, potrebbe essere letteralmente superiore ad ogni previsione e ad oggi mancano aree di sosta bastevoli per accogliere tutti. 

"Nei parcheggi di Porta V e Giunone abbiamo registrato numeri clamorosi - spiega ancora - e le strutture erano in larga parte sempre piene in questi giorni. Significa che bisogna trovare spazi nuovi da parte del Comune".

In tal senso ci sarebbe, ad esempio, l'area di sosta di San Gregorio che Palazzo dei Giganti potrebbe utilizzare come area di sosta quando non impegnata in occasione dei concerti, oppure si potrebbe dopo anni iniziare a pensare ad attivare servizi di navetta tra Cugno Vela (quando e se sarà ripulito e reso fruibile) e le aree di via Ugo La Malfa. Ma per fare tutto questo servono soldi e serve un coordinamento che al momento non c'è.

E poi c'è il tema della viabilità dei due assi stradali che tagliano il parco e di cui, almeno in un caso, si parla da tempo.

"Credo - continua Sciarratta - che non sia un'eresia pensare di rendere una ztl la via Panoramica e la Passeggiata archeologica limitando queste aree a chi deve accedere ai templi. Sarebbe una soluzione facile da applicare e che porterebbe fuori dalla Valle tutte le auto che devono recarsi ad esempio nella zona bassa della città e a San Leone. Penso che bisognerebbe lavorarci in vista del 2025, e non solo".

Intanto si procede con soluzioni "tampone": la chiusura di un senso di circolazione della via Panoramica e un inasprimento dei controlli nelle zone di San Nicola e di via Passeggiata da parte dei vigili urbani.

"Purtroppo il sabato e la domenica le nostre pattuglie sono state totalmente impegnate a governare San Leone col nuovo piano traffico - spiega l'assessore al ramo Carmelo Cantone -. E' certamente una situazione difficile da gestire con le risorse umane che abbiamo e che necessiterebbe innanzitutto di una maggiore collaborazione da parte dei cittadini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos viabilità intorno al Parco, la proposta del direttore: "Ztl nelle strade di accesso alla Valle e più parcheggi"
AgrigentoNotizie è in caricamento