rotate-mobile
Giustizia amministrativa

Gestione dei parcheggi nella Valle dei Templi, il Tar blocca l'appalto

I giudici amministrativi hanno accolto il ricorso della seconda classificata: da tempo le aree di sosta sono concesse i proroga in attesa della gara

Gestione dei parcheggi della Valle dei Templi, il Tar annulla tutto e rende necessaria una nuova gara d'appalto.

A stravolgere una procedura che in realtà si attendeva da tempo e che avrebbe permesso di superare un lungo periodo di proroghe è un ricorso proposto dalla società Nam 3, che aveva presentato ricorso contro il Parco e la società “Ecoparking” che si era aggiudicata la gara per la gestione del servizio fin qui svolto dalla “Luoghi dell’Arcadia” con successive proroghe.

La ricorrente ha chiesto e ottenuto al Tar l’annullamento dell’aggiudicazione della gara e dei verbali della stessa, ma non il risarcimento dei danni patiti e soprattutto, come richiesto, l’aggiudicazione diciamo "automatica" del maxi appalto dal valore di quasi 2 milioni e 400mila euro.

La procedura, celebrata sul mercato elettronico delle pubbliche amministrazioni, si svolgeva con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa con l'obbligo dell’aggiudicatario di corrispondere all’Ente Parco un canone fisso contrattuale di concessione di 15mila euro più una percentuale degli incassi non inferiore al 40% oltre iva.

La Nam si è classificata seconda, ma denunciò di avere appreso dell’esito della gara solo per l’occasionale accesso al predetto portale di gara in data 10 gennaio 2023. Seguì naturalmente una richiesta di accesso agli atti di gara da cui partì il ricorso – accolto prima in fase cautelare -, fondato tra le altre cose sull'illegittimità dell'aggiudicazione a causa dei contratti di avvalimento stipulati dalla società vincitrice. Si tratta, per la precisione, di contratti stipulati tra più imprese in cui l'ausiliata mette a disposizione, per tutta la durata dell'appalto, le risorse di cui sia carente l'impresa che si deve aggiudicare uno specifico appalto.

Un tema difensivo accolto dal Tar,  che però invece non ha ritenuto potersi accogliere "la domanda del ricorrente volta ad ottenere l’aggiudicazione dell’appalto essendo a tal fine necessario che la stazione appaltante verifichi la sussistenza di tutti i requisiti necessari".

Quindi, salvo un nuovo ricorso o il pronunciamento del Cgars, il Parco dovrà procedere ad una nuova procedura o allo scorrimento della graduatoria. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestione dei parcheggi nella Valle dei Templi, il Tar blocca l'appalto

AgrigentoNotizie è in caricamento