menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefano Castellino

Stefano Castellino

L'inchiesta sullo stop alle demolizioni, la stanza e il telefono del sindaco erano intercettati

Il retroscena emerge dal secondo procedimento "gemello" che il giudice ha accorpato al primo

Microspie nella stanza del sindaco e telefono sotto controllo. Dopo le esternazioni di Stefano Castellino, che la sera dell’elezione annunciò di volere bloccare le demolizioni e “stracciare” il protocollo firmato dal suo predecessore Pasquale Amato, la Procura di Agrigento mise sotto intercettazione il neo primo cittadino di Palma. I retroscena emergono dagli atti del procedimento “gemello” a suo carico che ieri è stato unificato a quello principale dal giudice dell’udienza preliminare Francesco Provenzano. 

Castellino è accusato di avere bloccato le demolizioni per averne, in cambio, un consenso elettorale. La richiesta di unificare i due processi, all’udienza precedente, era stata presentata congiuntamente dal pubblico ministero Gloria Andreoli e dai difensori dell’imputato, gli avvocati Santo Lucia e Vincenzo Alesci.

Castellino aveva chiesto di essere sentito ma ieri, alla luce del contenuto delle intercettazioni a suo carico la cui esistenza si è appresa in seguito, ha rinunciato a questo strumento di difesa. Si torna in aula il 16 novembre. L’amministratore è imputato di falso ideologico, abuso di ufficio e rifiuto di atti di ufficio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento