Associazione per delinquere dedita allo sfruttamento del lavoro, annullata una misura

Il tribunale del Riesame si è pronunciato sulla posizione del bracciante agricolo cinquantaduenne Rosario Ninfosì di Palma di Montechiaro

Il tribunale del Riesame ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare a carico del 52enne bracciante agricolo Rosario Ninfosì di Palma di Montechiaro che è rappresentato e difeso dagli avvocati Francesco Scopelliti e Domenico Ingrao. Ninfosì è stato però sottoposto alla misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Braccianti sfruttati in campagna per 3 euro all'ora", regge l'accusa di associazione a delinquere

L'inchiesta, della Procura della Repubblica di Agrigento e dei carabinieri, è quella denominata "Ponos" che ha fatto luce su una presunta associazione per delinquere finalizzata alla illecita intermediazione ed allo sfruttamento del lavoro. Le promotrici della presunta associazione sarebbero state due donne: madre e figlia di origine slovacca. 

Reclutati per lavorare nei campi a 3 euro l'ora, ma l'organizzazione guadagnava 1 milione a stagione: 8 i fermi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Stavamo collocando le microspie e ci ha sparato addosso", racconto choc di tre tecnici in incognito

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • In arrivo nuovi dirigenti scolastici, ecco tutti i movimenti in provincia

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Scazzottata con tragedia in via Petrarca, 64enne si accascia al suolo e muore

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento