Associazione per delinquere dedita allo sfruttamento del lavoro, annullata una misura

Il tribunale del Riesame si è pronunciato sulla posizione del bracciante agricolo cinquantaduenne Rosario Ninfosì di Palma di Montechiaro

Il tribunale del Riesame ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare a carico del 52enne bracciante agricolo Rosario Ninfosì di Palma di Montechiaro che è rappresentato e difeso dagli avvocati Francesco Scopelliti e Domenico Ingrao. Ninfosì è stato però sottoposto alla misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

"Braccianti sfruttati in campagna per 3 euro all'ora", regge l'accusa di associazione a delinquere

L'inchiesta, della Procura della Repubblica di Agrigento e dei carabinieri, è quella denominata "Ponos" che ha fatto luce su una presunta associazione per delinquere finalizzata alla illecita intermediazione ed allo sfruttamento del lavoro. Le promotrici della presunta associazione sarebbero state due donne: madre e figlia di origine slovacca. 

Reclutati per lavorare nei campi a 3 euro l'ora, ma l'organizzazione guadagnava 1 milione a stagione: 8 i fermi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento