rotate-mobile
Raid vandalico / Palma di Montechiaro

Sfondano la porta della Guardia medica e devastano tutti i locali: danni pesantissimi, è "caccia" ai vandali

I carabinieri si sono già mossi per acquisire, visto che l'area è "coperta" da più impianti di videosorveglianza, i filmati e identificare i responsabili dell'opera di devastazione

Sono riusciti ad intrufolarsi - sfondando l'ingresso - mentre il medico di turno era in visita domiciliare. Hanno messo tutto a soqquadro, devastando arredi e vetrate. Vandali scatenati a Palma di Montechiaro dove, durante la notte, sono stati creati danni enormi tanto alla Guardia medica, all'interno del Poliambulatorio, che al Cup. 

Il sindaco: "E' inaccettabile quanto accaduto, occorre garantire sicurezza agli operatori sanitari"

La banda ha provato anche a sfondare la porta blindata interna, costringendo il personale del 118 a chiudersi dentro e ad allertare immediatamente le forze dell'ordine. Sono accorsi i carabinieri della locale stazione che hanno subito rastrellato la zona, alla ricerca dei delinquenti. Sono riusciti, almeno stanotte, a farla franca perché non sono stati rintracciati dai militari dell'Arma. Ma l'ultima parola non è stata ancora pronunciata. E questo perché l'intera area è "coperta" da impianti di videosorveglianza. 

Incendiarono panchina e cassapanche di "Mpidusa": denunciati due giovani

I carabinieri si sono già mossi per acquisire i video e identificare i responsabili dell'opera di devastazione. 

Non è escluso - ma non ci sono certezze categoriche al riguardo - che i vandali abbiano agito sotto l'effetto di alcol o droghe. Ma un dato è, invece, certo: hanno devastato locali di pubblica utilità. E i danni sono veramente pesantissimi. 

Il maxi danneggiamento di auto lungo via Gioeni, presentato un esposto in Procura

L'ordine dei medici: "Potenziare i controlli per evitare altri episodi del genere"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfondano la porta della Guardia medica e devastano tutti i locali: danni pesantissimi, è "caccia" ai vandali

AgrigentoNotizie è in caricamento