Lunedì, 22 Luglio 2024
Polizia / Palma di Montechiaro

Acido sull'auto della moglie di un imprenditore: aperta un'inchiesta sull'avvertimento

Già un mese fa, la famiglia aveva subito l'incendio della Renault Captur. Rogo che allora venne imputato, dai vigili del fuoco, a cause accidentali 

Acido sul tetto e il bagagliaio di una Fiat Panda. Sembra avere le caratteristiche dell'avvertimento quanto è avvenuto a Palma di Montechiaro, in danno dell'utilitaria di una quarantaseienne, moglie di un imprenditore. Un palmese che, un mese prima, aveva subito l'incendio della sua Renault Captur. Rogo che allora venne imputato, dai vigili del fuoco, a cause accidentali. 

Brucia l'auto di un imprenditore: è mistero sulle cause, aperta un'inchiesta

Ad indagare sul misterioso episodio sono i poliziotti del commissariato cittadino, agenti che hanno appunto raccolto la denuncia di danneggiamento a carico di ignoti. E, di fatto, adesso, non si è più neanche tanto sicuri sulle cause accidentali dell'incendio che ha devastato la Renault lo scorso maggio. 

Il danneggiamento della Fiat Panda è avvenuto nelle ore serali, qualcuno - senza essere visto - si è avvicinato alla Fiat Panda e ha cosparso, in più punti, la carrozzeria della vettura di un prodotto chimico capace di corrodere. Non filtrano indiscrezioni, neanche la più piccola, né da investigatori e nemmeno da parte degli inquirenti. Scontato, anche se appunto mancano le conferme istituzionali, che i poliziotti abbiano subito verificato l'eventuale presenza di impianti di videosorveglianza pubblici o privati nell'area dove è stato compiuto il danneggiamento. Così come appare inevitabile che siano stati già sentiti, per capire se abbiano o meno avuto problemi o dissidi con qualcuno, sia l'imprenditore che la moglie.   

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acido sull'auto della moglie di un imprenditore: aperta un'inchiesta sull'avvertimento
AgrigentoNotizie è in caricamento