Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca Palma di Montechiaro

Operato e trasferito a Terapia intensiva, uno il colpo di pistola che è andato a segno

Otto i bossoli - di una calibro 45 - che sono stati ritrovati e sequestrati dalla polizia di Stato sull'asfalto di via Salvatore Quasimodo. Le pistolettate esplose mentre il giovane era a piedi sulla pubblica via

E' stato trasferito a Terapia intensiva dell'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento il venticinquenne palmese, L. O., che è stato gravemente ferito, nella tarda serata di ieri, in quello che sembrerebbe avere le caratteristiche di un agguato. 

Otto colpi di pistola contro un venticinquenne  

Il giovane è stato operato all'ospedale "San Giacomo d'Altopasso" di Licata e poi, durante la notte, è avvenuto il trasferimento all'ospedale del capoluogo. Uno il colpo - di una pistola calibro 45 - che sarebbe andato a segno raggiungendo l'addome del ragazzo. Otto, però, i bossoli - sempre di una calibro 45 - che sono stati ritrovati e sequestrati dalla polizia di Stato sull'asfalto di via Salvatore Quasimodo, nel centro urbano di Palma di Montechiaro.

I poliziotti del commissariato di Palma di Montechiaro e quelli della Squadra Mobile della Questura di Agrigento sono riusciti a ricostruire - in quelle che, stanotte, sono state ore frenetiche e concitate - che il giovane è stato bersaglio delle pistolettate mentre era sulla pubblica via, a piedi. Non dunque su qualche auto o moto. Non è chiaro - non al momento - se il venticinquenne avesse o meno in via Salvatore Quasimodo un appuntamento con qualcuno o se, invece, è stato ferito mentre stava camminando per strada. 

Nelle prossime ore, non appena il quadro sanitario del giovane lo consentirà, i poliziotti del commissariato di Palma di Montechiaro e quelli della Squadra Mobile sentiranno il venticinquenne. L'obiettivo è, naturalmente, uno soltanto: riuscire a circostanziare tutti i dettagli del tentato omicidio e fare rapidamente chiarezza.

Resta, almeno per il momento, avvolto dal mistero il dettaglio degli otto bossoli ritrovati sul selciato. Così come non è chiaro quante persone - se una o più - siano, pistola o pistole alla mano, entrate in azione in via Salvatore Quasimodo. 

I medici - prima quelli del "San Giacomo d'Altopasso" e adesso quelli del "San Giovanni di Dio" - mantengono riservata la prognosi. Il venticinquenne non dovrebbe però essere in pericolo di vita.  

      

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operato e trasferito a Terapia intensiva, uno il colpo di pistola che è andato a segno
AgrigentoNotizie è in caricamento