Uccise il giudice Livatino, Pace torna a Palma con un permesso speciale

Dopo 27 anni trascorsi in carcere, ha ottenuto un permesso premio visto che si sta comportando bene

Domenico Pace, colui che faceva parte del commando della Stiddra che uccise il giudice Rosario Livatino, tornerà - seppur per poco tempo - a Palma di Montechiaro. Ha ottenuto - secondo quanto riporta oggi il Giornale di Sicilia - un permesso speciale dal tribunale di Sorveglianza. La notizia è stata diffusa dal tutore di Pace che ha annunciato con gioia che il cognato tornerà a Palma dopo 27 anni trascorsi in carcere. Si tratta di un permesso premio per Pace che in carcere si sta comportando bene. Adesso si trova in carcere a Sulmona dove sta scontando l'ergastolo. Ed ha iniziato un percorso religioso che lo sta avvicinando a Dio al quale chiede perdono per quello che ha fatto. Non è un pentito, è un 54enne che sta cercando di ritrovare la sua coscienza attraverso la religione.

Ogni anno, in occasione della ricorrenza dell'omicidio del giudice Rosario Livatino, Pace invia - attraverso i suoi familiari - una composizione floreale al cimitero, alla cappella dove sono custodite le spoglie mortali del giudice Rosario Livatino. 

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • La ricetta dei panini di San Calò

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • Si contendono la location: scoppia una maxi lite fra i "paninari" di San Leone

  • I documenti obbligatori da tenere in auto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento