menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga, pm chiede nove anni di reclusione per un palmese

Antonino Di Rosa, arrestato il 30 marzo del 2015 con l'accusa è di coltivazione e detenzione di stupefacenti, trasformò un magazzino in una centrale per lo spaccio

Trasformò un magazzino in una centrale per lo spaccio di droga e adesso rischia nove anni di carcere. Il pubblico ministero - si legge sul Giornale di Sicilia - ha chiesto la condanna a 9 anni e 4 mesi di reclusione per Antonino Di Rosa, 26enne di Palma di Montechiaro, arrestato il 30 marzo del 2015 con l'accusa di coltivazione e detenzione di stupefacenti, detenzione abusiva di munizioni e furto aggravato.

I poliziotti all'interno del locale trovarono 144 piantine di marijuana, 66 semi della stessa pianta, oltre 300 grammi di ketamina, più di 13 chili di hashish, quasi un chilo e mezzo di cocaina e 61 cartucce per pistola di vario calibro. "Di Rosa - si legge sul quotidiano - avrebbe allestito il market della droga, già divisa in blocchi, dosi e panetti, in un garage di proprietà della nonna ma secondo gli investigatori del tutto nella sua disponibilità. Per alimentare il sofisticato sistema di aerazione e ventilazione e le dodici lampade ad alto voltaggio non avrebbe speso neanche soldi visto che si sarebbe allacciato abusivamente all'Enel".

Per questo la condanna, tecnicamente, è distinta. Il pubblico ministero ha infatti chiesto 7 anni e 2 mesi per tutte le accuse legate alla droga e alle munizioni e la pena di 2 anni e 2 mesi per il furto aggravato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento