menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una veduta del palazzo di giustizia di Agrigento

Una veduta del palazzo di giustizia di Agrigento

Arrestato per armi e munizioni, arresto convalidato: resta ai domiciliari

Pistole e fucili verranno sottoposti alle analisi di rito per accertare se siano state utilizzati o meno e, naturalmente, se la risposta sarà positiva, quando sono stati utilizzati

Il giudice Alfonso Malato ha convalidato l'arresto, effettuato dalla polizia di Stato, e disposto gli arresti domiciliari per Antonino Mangiavillano, 55 anni, di Palma di Montechiaro. L'uomo è stato arrestato, in flagranza di reato, mercoledì, per l'ipotesi di reato di detenzione illegale di armi clandestine e munizioni. A coordinare il fascicolo di inchiesta subito aperto è il sostituto procuratore Brunella Sardoni. 

LEGGI ANCHE: "Mini arsenale in camera da letto", scatta l'arresto 

Gli agenti del commissariato di Palma di Montechiaro, nell'ambito di una vasta e capillare operazione di controllo del territorio, hanno eseguito una perquisizione nell'abitazione del cinquantacinquenne. Perquisizione che ha dato esito positivo visto che sono state trovate alcune pistole, un fucile e numerose munizioni. Le armi avevano tutte la matricola abrasa. 

Le armi sequestrate verranno, già a partire dai prossimi giorni, sottoposte alle analisi di rito per accertare se siano state utilizzate o meno e, naturalmente, se la risposta sarà positiva, quando sono state utilizzate. La polizia di Stato dovrà, mentre gli esperti analizzeranno le armi, cercare di individuare e tracciare la strada che quelle pistole e quel fucile hanno seguito per giungere fino a Palma di Montechiaro. Gli investigatori dovranno anche cercare di capire se armi e munizioni erano destinate per un altro posto, ossia se presto avrebbero potuto essere spostate. Fitto è, naturalmente, il riserbo sul prosieguo della delicata attività investigativa della polizia di Stato.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento