"Shopping in gioielleria dopo avere timbrato il cartellino", carabiniere racconta inchiesta

Venti impiegati del Comune sono accusati di assenteismo, il brigadiere Graziano Marino: "C'era pure chi si faceva passare il badge dai colleghi e veniva dopo"

C’era chi, dopo avere timbrato il cartellino, usciva e andava a fare shopping in gioielleria oppure chi si alzava con calma perché, una quarantina di minuti prima, ci aveva pensato il collega a passare il badge anche per lui davanti al lettore. Le assenze, in alcuni casi, sarebbero state anche di pochi minuti ma sommandole, nel periodo di indagine, si arrivava a parecchie ore sottratte al lavoro di ufficio.

È entrato nel vivo il processo a carico di venti impiegati del Comune di Palma di Montechiaro, accusati di assenteismo. Gli imputati, sostiene l'accusa, fra il 2014 e il 2015, si sarebbero assentati dal posto di lavoro in diverse circostanze dopo avere passato il badge che attestava la presenza. Fra gli episodi più coloriti ci sarebbe quello dell'allontanamento di uno di loro per partecipare al convegno sulla legalità. Un altro collega, invece, sarebbe andato a un trigesimo. Ieri mattina, davanti al collegio di giudici presieduto da Wilma Angela Mazzara è stato ascoltato Graziano Marino, brigadiere capo della stazione dei carabinieri di Palma. 

Maresciallo in aula: "Una fonte confidenziale ci rivelò che tutti timbravano e uscivano"

Gli imputati sono: Matteo Bordino, 60 anni, Salvatore Castellino, 55 anni, Maria Collura, 55 anni, Salvatore Di Vincenzo, 53 anni, Fabio Marino, 50 anni, Gioacchino Angelo Palermo, 58 anni, Anna Provenzani, 52 anni, Giuseppe Rumè, 61 anni, Rosario Zarbo, 52 anni, Grazia Arcadipane, 52 anni, Silvana Cancialosi, 53 anni, Renato Castronovo, 64 anni, Calogero Mario Di Caro, 59 anni, Concetta Maria Di Vincenzo, 49 anni, Ignazio Falsone, 67 anni, Vittorio Inguanta, 64 anni, Francesco Lo Nobile, 67 anni, Giuseppe Calogero Petrucci, 56 anni, Rosario Salerno, 56 anni e Baldassare Zinnanti, 64 anni. 

Il carabiniere, che alla prossima udienza, fissata per l’11 giugno, sarà interrogato dai difensori (fra gli altri gli avvocati Francesco Scopelliti, Santo Lucia, Domenico Romano e Antonino Gaziano) ha analizzato le posizioni di alcuni singoli imputati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Gli allontanamenti di Arcadipane sono stati una ventina. Quasi tutti sotto i 20 minuti per un totale 3 ore e 32 minuti. L’impiegata è stata vista entrare in una gioelleria poco distante dal Comune”. E poi ancora: “Bordino, nel periodo di indagine, si è assentato oltre 4 ore e mezzo e Cangelosi 12 ore e 14 minuti”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: calano i contagi, ma ci sono Comuni dove si registra un'impennata

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

  • Coronavirus: boom di contagi in città (+7), Licata (+7) e Canicattì (+10), positivi alunni, docente e operatore: scuole chiuse

  • Coronavirus, la curva dei contagi continua a salire: morta 93enne, due vittime in poche ore

  • Coronavirus, sono 18 i nuovi casi positivi: il contagio non si arresta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento