menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto archivio

foto archivio

"In gioielleria, dal fruttivendolo e al convegno sulla legalità dopo avere timbrato", carabiniere racconta indagine

Un militare rivela che gli impiegati del Comune passavano il badge che rilevava le presenze e poi si allontanavano arbitrariamente

C'era chi, fra gli impiegati, andava a fare la spesa, a comprare la frutta, in gioielleria o partecipava a un convegno sul bullismo nelle scuole. Il tutto dopo avere passato il badge che rilevava le presenze in ufficio. 

Lo ha rivelato un carabiniere deponendo al processo, a carico di venti impiegati del Comune di Palma di Montechiaro, imputati, davanti ai giudici della seconda sezione penale presieduta da Wilma Angela Mazzara, per alcuni episodi di assenteismo. 

"Abbiamo eseguito - ha detto il militare rispondendo al pubblico ministero Cecilia Baravelli - alcuni pedinamenti e abbiamo notato che c'era una prassi diffusa in base alla quale molti timbravano il cartellino virtuale e si allontanavano per svolgere faccende personali che nulla avevano a che fare con l'ufficio".

Ecco l'elenco degli imputati: Matteo Bordino, 62 anni, Salvatore Castellino, 57 anni, Maria Collura, 57 anni, Salvatore Di Vincenzo, 55 anni, Fabio Marino, 52 anni, Gioacchino Angelo Palermo, 60 anni, Anna Provenzani, 54 anni, Giuseppe Rumè, 63 anni, Rosario Zarbo, 54 anni, Grazia Arcadipane, 54 anni, Silvana Cancialosi, 55 anni, Renato Castronovo, 66 anni, Calogero Mario Di Caro, 61 anni, Concetta Maria Di Vincenzo, 51 anni, Ignazio Falsone, 69 anni, Vittorio Inguanta, 66 anni, Francesco Lo Nobile, 69 anni, Giuseppe Calogero Petrucci, 58 anni, Rosario Salerno, 58 anni e Baldassare Zinnanti, 66 anni.

I pedinamenti e i servizi di osservazione sono stati svolti in due fasi, nel 2014 e nel 2015, e avrebbero fatto emergere, secondo quanto ipotizza l'accusa, un fenomeno diffuso e collaudato di allontanamento arbitrario dal posto di lavoro dopo avere passato regolarmente il badge.

"Grazia Arcadipane - ha aggiunto il carabiniere - in una circostanza è stata pedinata mentre andava in gioielleria dopo avere passato il badge. Castellino ha dato il cartellino a un suo collega mentre Zarbo è stato visto partecipare a un convegno sul bullismo in una scuola". 

Altri quattro imputati che hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato sono stati assolti. Si torna in aula il 4 maggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento