Assenteismo al Comune, carabiniere rivela: "Passava il badge e poi leggeva il giornale"

Il militare ha partecipato ai servizi di osservazione durante le indagini: "L'impiegato usciva dall'ufficio e andava nella sua auto"

Foto archivio

C'era chi, fra gli impiegati, andava a fare la spesa, a prendere il caffè al bar, a fare una passeggiata o, semplicemente, entrava in macchina e leggeva il giornale durante l'orario di servizio. Come nel caso di Salvatore Di Vincenzo, 55 anni, pedinato da un carabiniere mentre si sarebbe allontanato dall'ufficio semplicemente per rientrare in macchina e aggiornarsi sui fatti di cronaca.

"Abbiamo eseguito - ha detto rispondendo al pubblico ministero Alessandra Russo - diversi pedinamenti. In alcune circostanze Di Vincenzo si è allontanato per andare in auto. Cosa faceva? Apriva il giornale e cominciava a sfogliarlo e leggerlo".

Il processo è in corso davanti ai giudici della seconda sezione penale, presieduta da Wilma Angela Mazzara. Gli imputati sono 20. Si tratta di: Matteo Bordino, 62 anni, Salvatore Castellino, 57 anni, Maria Collura, 57 anni, Salvatore Di Vincenzo, 55 anni, Fabio Marino, 52 anni, Gioacchino Angelo Palermo, 60 anni, Anna Provenzani, 54 anni, Giuseppe Rumè, 63 anni, Rosario Zarbo, 54 anni, Grazia Arcadipane, 54 anni, Silvana Cancialosi, 55 anni, Renato Castronovo, 66 anni, Calogero Mario Di Caro, 61 anni, Concetta Maria Di Vincenzo, 51 anni, Ignazio Falsone, 69 anni, Vittorio Inguanta, 66 anni, Francesco Lo Nobile, 69 anni, Giuseppe Calogero Petrucci, 58 anni, Rosario Salerno, 58 anni e Baldassare Zinnanti, 66 anni. 

I pedinamenti e i servizi di osservazione sono stati svolti in due fasi, nel 2014 e nel 2015, e avrebbero fatto emergere, secondo quanto ipotizza l'accusa, un fenomeno diffuso e collaudato di allontamento dal posto di lavoro dopo avere passato regolarmente il badge. Ed è proprio il lettore elettronico che attesta la presenza dei dipendenti che sarebbe stato controllato dai carabinieri durante le indagini con una telecamera nascosta che immortalava la scena degli impiegati che passavano il proprio tesserino digitale e poi si allontanavano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento