rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Palazzo Crea, il consulente della Procura chiarisce il giallo dei terreni

L'ingegnere Raccuia non ha dubbi: "Le particelle appartengono agli imputati"

“Le particelle di quei terreni appartengono agli imputati”. L’ingegnere Giuseppe Raccuia, incaricato dal pm Andrea Maggioni di eseguire una consulenza catastale per ricostruire la proprietà delle singole particelle, ha depositato la sua relazione e chiarito il dubbio sollevato dalla difesa.

“I terreni da decenni non appartengono ai miei clienti”: l’avvocato Rosa Salvago, difensore dei presunti proprietari delle aree del viale della Vittoria che non sarebbero state tenute in sicurezza provocando il crollo del costone sul palazzo Crea, all’udienza precedente aveva sollevato il dubbio che quegli imputati non c’entrassero nulla. Il pm Andrea Maggioni aveva dato incarico a Raccuia di eseguire una consulenza che è stata adesso depositata e sarà discussa in aula venerdì. Il punto è centrale, almeno per la posizione dei proprietari dei terreni prospicienti il costone. Si tratta di Maria Isabella Sollano, 75 anni, e dei figli Valentina e Oreste Carmina, 49 e 46 anni. Gli altri imputati sono l’ex sindaco Marco Zambuto e il dirigente dell’ufficio tecnico comunale, Giuseppe Principato. L’accusa a carico dei cinque imputati è di disastro colposo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo Crea, il consulente della Procura chiarisce il giallo dei terreni

AgrigentoNotizie è in caricamento