Cronaca

Otto passeggeri rimasti a terra, l'ira di Martello: "Doveva anche esserci un medico"

Il primo cittadino parla di alcuni disservizi sulla linea aerea. Niente volo anche per un professionista che avrebbe dovuto raggiungere l'isola

Otto passeggeri diretti a Lampedusa sono rimasti a terra, tra questi anche un medico che avrebbe dovuto trasportare sacche di plasma. "Ancora una volta ci troviamo di fronte ad un disservizio da parte della compagnia aerea Dat nella gestione della tratta sociale di collegamento con Lampedusa. Ieri a causa di un guasto all'Atr72 che avrebbe potuto accogliere 32 passeggeri a bordo, è stato attivato un Atr42 che ha una capienza attualmente limitata a 24 passeggeri: la compagnia aerea non ha tuttavia ritenuto di intervenire con un volo integrativo, ed ha dunque lasciato a terra sia le otto persone che da Palermo sarebbero dovute arrivare sull'isola, che altre otto che da Lampedusa sarebbero dovute arrivare a Palermo, nonostante fra queste vi fosse anche un medico che avrebbe dovuto trasportare alcune sacche di plasma". A parlare il sindaco di Lampedusa e Linosa, Totò Martello. Il sindaco chiede di ripristinare il collegamento diretto. 

"Abbiamo chiesto diverse volte l'intervento dell'Enac per una verifica sugli standard qualitativi della Dat, a dire il vero senza aver mai notato una reale incisività da parte dell'Ente - aggiunge Martello - A questo punto chiediamo intanto di ripristinare il collegamento diretto con Lampedusa senza mantenere lo scalo a Pantelleria, e di attivare già adesso i tre voli quotidiani previsti a partire da giugno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Otto passeggeri rimasti a terra, l'ira di Martello: "Doveva anche esserci un medico"

AgrigentoNotizie è in caricamento