Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ospedale, i "miracoli" della Rianimazione: salvate due donne in un'unica notte

Il medico Salvatore Frenda: "Noi non curiamo i pazienti, nel nostro reparto si arriva in pericolo di vita ed evitare tragedie è un'emozione indescrivibile"

 

Hanno salvato due donne in un'unica notte. I rianimatori dell'ospedale "San Giovanni di Dio", coadiuvati dai medici del pronto soccorso, dai tecnici e dagli infermieri sono riusciti - in un'unica notte appunto - a realizzare un doppio miracolo. A raccontarlo ad AgrigentoNotizie, ed è stata una emozionante testimonianza, è stato proprio l'anestesista e rianimatore Salvatore Frenda che, quella notte, era di turno. 

Incinta alla 28esima settimana arriva in gravi condizioni in ospedale: salvate mamma e figlia

Quella del medico rianimatore è una professione che non consente un ampio ventaglio di possibilità. Questa specializzazione, a differenza delle altre, non serve a curare i pazienti ma lo scopo primario è quello di salvare vite umane. Per i rianimatori sono solo due le opzioni e con opposti risvolti che possono essere o drammatici oppure lieti. Di questo ne è consapevole Salvatore Frenda, anestesista e rianimatore dell’ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento che nei giorni scorsi, assieme alla sue equipe e ai medici di Patologia clinica, Simona Carisi in testa, hanno salvato la vita a due giovani donne. Una notte che potrebbe sembrare movimentata, quella raccontata ai microfoni di AgrigentoNotizie dal medico in servizio nel reparto di Rianimazione, ma che invece è normale routine per gli operatori che sono abituati a lavorare in condizioni di perenne emergenza. 

“E’ una grande gioia e una grande emozione – dice emozionato il dottore Frenda -  quando riesci a dimettere un paziente e trasferirlo in un altro reparto perché significa che gli hai salvato la vita e penso che non ci possa essere cosa più grande”. 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento