Ortofrutta occupa troppo spazio, interviene la polizia municipale: sanzionato

La concessione di suolo comunale, per la collocazione di una struttura lignea, è risultata essere di 13 metri quadrati. Mentre il chiosco – stando, appunto, alla verifica della polizia municipale – occupava complessivamente 49 metri quadrati circa

La “guerra” all’abusivismo commerciale non passa soltanto attraverso le “battaglie” contro i venditori ambulanti, extracomunitari per la maggior parte, che invadono sistematicamente la terrazza a mare del viale Falcone-Borsellino a San Leone. Ma si compone anche dei controlli – realizzati dalla polizia municipale, che è coordinata dal comandante Gaetano Di Giovanni, - alle imprese che hanno negozi e chioschi. E si scoprono casi di abusivismo edilizio: accade quando si amplia, senza permesso, gli esercizi commerciali.

Durante una delle ultimissime verifiche, nel centro storico della città dei Templi, i vigili urbani hanno scoperto – e non è affatto il primo caso – una ditta che, per il commercio di prodotti ortofrutticoli su area pubblica, aveva occupato molto più spazio di quanto effettivamente autorizzato. La concessione di suolo comunale, per la collocazione di una struttura lignea, è risultata essere di 13 metri quadrati. Mentre il chiosco – stando, appunto, alla verifica della polizia municipale – occupava complessivamente 49 metri quadrati circa. Di fatto, il proprietario – stando all’accusa – avrebbe ampliato la struttura autorizzata nei lati Sud ed Ovest di circa 17 metri, collocando sul marciapiede una tettoia in legno con copertura di telone plastificato e incannucciato. Fatta la scoperta, il dirigente del quinto settore di palazzo dei Giganti ha diffidato il commerciante “alla totale rimozione, a propria cura e spese, del prefabbricato e della tettoria di legno e del ripristino dei luoghi”. Ripristino che dovrà essere effettuato entro 30 giorni. 

“In caso contrario – questo l’avvertimento – si procederà a norma di legge. Nel caso di opere sottoposte a sequestro dall'autorità giudiziaria, la ditta dovrà chiedere il dissequestro al giudice penale prima della demolizione – scrive il dirigente del Municipio - . La squadra Edilizia dei vigili urbani sono incaricati di segnalare tempestivamente, alla scadenza del termine prefissato, l'ottemperanza o meno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento