menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento della conferenza stampa dello scorso 7 luglio

Un momento della conferenza stampa dello scorso 7 luglio

Blitz "Vultur", "porto illegale di armi", scattano due arresti

Il gip di Palermo, su richiesta della Dda, ha posto ai domiciliari Angelo Prato. A Rosario Meli il provvedimento è stato notificato in carcere

Lo scorso 7 luglio gli agenti della Squadra Mobile di Agrigento, coordinati dal dirigente Giovanni Minardi, avevano condotto tra Canicattì e Camastra l’operazione “Vultur”. In quell’occasione erano state eseguite 5 ordinanze di custodia cautelare.

IL FATTO

Ora la Squadra Mobile, “sulla base degli elementi emersi nelle investigazioni relative all’operazione Vultur”, ha eseguito altre due ordinanze. Il gip del Tribunale di Palermo, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, ha firmato i provvedimenti nei confronti di Rosario Meli di 68 anni ed Angelo Prato di 38 anni, entrambi di Camastra.

I RETROSCENA DI VULTUR

“La Squadra Mobile di Agrigento – si legge nel comunicato stampa - ha notificato l’ordinanza del Gip di Palermo nella quale entrambi gli indagati sono ritenuti responsabili del reato di porto illegale di arma in luogo pubblico. Angelo Prato è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari, mentre per Rosario Meli il giudice ha disposto la custodia cautelare in carcere, luogo ove il medesimo si trovava già ristretto in relazione al precedente arresto dello scorso luglio”.

IL VIDEO DELL'USCITA DEGLI INDAGATI DALLA QUESTURA IL 7 LUGLIO SCORSO

Secondo l'accusa gli indagati dell'operazione "Vultur", a vario titolo, avrebbero posto in essere richieste estorsive

LEGGI ANCHE: VULTUR: "IMPOSTO IL PIZZO AD OGNI FUNERALE"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento