menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
FOTO ARCHIVIO

FOTO ARCHIVIO

"I soldi te li do dopo, devo mangiare anche io": poliziotto racconta contrasti nel gruppo dei pusher

Un ispettore del commissariato rivela i debiti dei presunti spacciatori che avrebbero messo in piedi tre centrali della droga

"Carmelo Albanese aspettava i soldi di Rosario Amato per comprare altra droga, in una intercettazione dice che il debito lo avrebbe estinto in un secondo momento perchè era in difficoltà". 

L'ispettore Valerio D'Andri, in servizio al commissariato di Porto Empedocle, continua la sua deposizione, in aula, al processo scaturito dall'inchiesta "Supermarket" che ipotizza un vasto giro di droga a Porto Empedocle che sarebbe stato allestito attorno a tre "basi operative": un bar dell'Altopiano Lanterna, una villetta pubblica e un'abitazione privata.

L'abitazione degli Amato, secondo quanto spiegato dal poliziotto che ha risposto al pm Chiara Bisso, sarebbe stato il quartier generale del giro di spaccio. Non senza qualche difficoltà. I debiti di droga, infatti, servivano per essere reinvestiti in altra droga. Se c'era qualche intoppo nei pagamenti, la questione si complicava. "I soldi te li do dopo - dice Rosario Amato - devo mangiare pure io".

Gli imputati (difesi, fra gli altri dagli avvocati Davide Casà, Antonino Gaziano, Alessandro Patti, Salvatore Collura e Carmelita Danile) sono 26. Si tratta di: Andrea Amato, 47 anni, Rosario Amato, 29 anni, Emanuele Amato, 22 anni, Loredana Prisma, 43 anni, Giuseppe Baio, 38 anni, Antonio Sorce, 21 anni, Francesco Di Grado, 33 anni, Francesco Lucchi, 49 anni, Gerlando Di Gerlando, 22 anni, Alfonso Alongi, 33 anni, Stefano Filippazzo, 33 anni (latitante), Francesco Fratacci, 26 anni, Ernesto Giardina, 36 anni, Pierluigi Aleo, 28 anni, Ignazio Mendola, 33 anni, Pietro Sacco, 29 anni, Luigi Pulsiano, 23 anni, Antonio Sacco, 21 anni, Carmelo Albanese, 44 anni, Giuseppe Angarussa, 33 anni, Emanuel Lombardo, 25 anni, Federico Alaimo, 32 anni, Calogero Trameli, 33 anni e Luigi Formica, 23 anni. Il processo, in corso davanti ai giudici della prima sezione penale, presieduta da Alfonso Pinto, riprende il 12 febbraio per concludere l'audizione del poliziotto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento