rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Cronaca Sciacca

"Favoreggiamento dell'immigrazione clandestina", Bono ai domiciliari

Il giudice del Tribunale di Palermo, Alessia Geraci, ha accolto la richiesta del suo difensore, l'avvocato Accursio Gagliano

Operazione “Scorpion fish”, il pescatore di Menfi è ai domiciliari. Pietro Bono, il 60enne accusato di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, ha lasciato il carcere di Sciacca, ottenendo i domiciliari.

Secondo quanto riferisce l’edizione del Giornale di Sicilia, il giudice del Tribunale di Palermo, Alessia Geraci, ha accolto la richiesta del suo difensore, l’avvocato Accursio Gagliano, ritenendo le condizioni di salute dell’indagato incompatibili con la detenzione in carcere. Quest’oggi il tribunale del Riesame, si pronuncerà sull’annullamento della misura cautelare. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Favoreggiamento dell'immigrazione clandestina", Bono ai domiciliari

AgrigentoNotizie è in caricamento