Sabato, 13 Luglio 2024
Operazione Wallon Drug / Favara

Il maxi giro di droga fra l'Agrigentino e il Vallone nisseno: presunto fornitore del gruppo resta in carcere

Il sessantenne favarese è ritenuto uno dei principali componenti dell'organizzazione, domiciliari a un trentunenne di Casteltermini

Un'ordinanza cautelare confermata e un provvedimento parzialmente annullato: i giudici del tribunale del riesame di Caltanissetta hanno mantenuto la custodia in carcere per il sessantenne di Favara, Luca Calogero Lauricella, ritenuto dagli inquirenti uno dei principali canali di rifornimento di droga per la presunta organizzazione criminale che avrebbe smerciato fra le province di Agrigento e Caltanissetta.

Lauricella, assistito dal suo difensore, l'avvocato Giuseppe Barba, in occasione dell'interrogatorio di garanzia, successivo all'operazione "Wallon Drug", eseguita dai carabinieri lo scorso 20 marzo, si era avvalso della facoltà di non rispondere. Analoga strategia processuale per il trentunenne di Casteltermini, Calogero Grimaldi, al quale il riesame - accogliendo in parte il ricorso del difensore Massimo Scozzari - ha applicato gli arresti domiciliari al posto della custodia in carcere.

L'inchiesta della Dda nissena avrebbe fatto emergere l'esistenza di un'organizzazione criminale, operativa dal 2019 all'anno successivo, compreso il periodo in cui erano state disposte delle limitazioni alla circolazione a causa della pandemia. Il gruppo avrebbe avuto una vera e propria cellula agrigentina operativa soprattutto fra Favara e Casteltermini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il maxi giro di droga fra l'Agrigentino e il Vallone nisseno: presunto fornitore del gruppo resta in carcere
AgrigentoNotizie è in caricamento