rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Operazione "Kerkent", Clemente ottiene gli arresti domiciliari

Il 27enne avrà anche l’obbligo di indossare il braccialetto elettronico

Il Gip presso il tribunale di Palermo ha disposto la sostituzione della custodia cautelare in carcere con la misura meno afflittiva degli arresti domiciliari nei confronti di Davide Marco Clemente, 27 anni, arrestato nell’operazione antimafia “Kerkent” lo scorso 4 marzo.

La difesa, rappresentata dagli avvocati Salvatore Butera e Marco Aloisio, ha osservato che i fatti contestati sono risalenti al 2015 e oltre tale periodo non sono stati acquisiti elementi astrattamente idonei ad integrare una condotta penalmente rilevante ed anzi, Clemente ha svolto un regolare percorso  lavorativo e tenuto una condotta di vita conforme alla legge, mostrando di fatto una personalità tale da ritenere affievolite le esigenze cautelari.

Sulla base di tali osservazioni e deduzioni difensive il giudice, visto il parere favorevole del Pubblico Ministero, ha disposto la sostituzione della misura carceraria per cui Clemente nelle prossime ore sarà posto ai domiciliari con l’obbligo di indossare il braccialetto elettronico. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione "Kerkent", Clemente ottiene gli arresti domiciliari

AgrigentoNotizie è in caricamento