menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Operazione "Kamarat":  "E' un presunto affiliato", in manette Salvatore Costanza

Operazione "Kamarat": "E' un presunto affiliato", in manette Salvatore Costanza

Operazione "Kamarat": "E' un presunto affiliato", in manette Salvatore Costanza

Sarebbe un membro della famiglia mafiosa di Cammarata. L’odierna operazione rappresenta un...

I carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Cammarata, ad integrazione dell’operazione denominata “Kamarat” (che ha già portato all’arresto di 5 presunti esponenti di cosa nostra), coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palermo Giuseppe Fici, hanno arrestato, in ottemperanza all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 10 giugno dal Tribunale di Palermo e divenuta esecutiva il 19 dicembre 2001 a seguito di sentenza della prima sezione della Corte Suprema di Cassazione, Salvatore Costanza, 42 anni, imprenditore edile di San Giovanni Gemini, ritenuto facente parte della famiglia mafiosa di Cammarata. L'uomo si trova rinchiuso presso la casa circondariale Pagliarelli di Palermo.

L’odierna operazione rappresenta un prosieguo dell’operazione denominata “Kamarat” che ha già portato il 18 maggio e 31 ottobre 2011, alla cattura di altri 5 soggetti di spicco nell’ambito dell’organizzazione mafiosa agrigentina, a seguito di approfondite investigazioni svolte dalla Compagnia dei carabinieri di Cammarata, finalizzate ad "illuminare" l’attuale composizione delle famiglie mafiose di cosa nostra operanti nel territorio dei Comuni di Cammarata, San Giovanni Gemini, Castronovo di Sicilia e Casteltermini.

Particolare importanza, in tale prospettiva, hanno rivestito le dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia di significativo peso all’interno dell’organizzazione criminale e di comprovata attendibilità quali Alfonso Falzone, Luigi Putrone, Ciro Vara, Maurizio Di Gati, Antonino Giuffrè, Giuseppe Salvatore Vaccaro e Beniamino Di Gati, sulle quali si è di volta in volta appurata la veridicità attraverso i positivi riscontri da parte dei carabinieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento