menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La maxi inchiesta sui finti infortuni: dopo 2 anni di intoppi, processo all'epilogo

La Procura non ha depositato una nuova lista dei testimoni, la difesa rinuncia a sentire i propri: alla prossima udienza si potrebbe concludere

La Procura non ha presentato una nuova lista testi e i difensori rinunciano ai propri: il processo scaturito dall'inchiesta "Demetra bis", che ipotizza un giro di falsi infortuni sul lavoro messo in piedi, con la complicità di medici e faccendieri, con la finalità di truffare l'Inail, dopo diversi azzeramenti per differenti ragioni procedurali, dovrebbe concludersi in maniera rapida dopo due anni di rinvii.

Il pubblico ministero Salvatore Caradonna ha chiesto al giudice Giuseppe Miceli, ottenendolo, un rinvio per produrre documenti e chiedere delle prove suppletive. Il 23 giugno potrebbe essere il giorno delle conclusioni. Il giudice monocratico Iacopo Mazzullo, davanti al quale doveva ripartire il processo per l'ennesima volta, ha emesso, nelle scorse settimane, una sentenza di non doversi procedere per circa l'80 per cento delle imputazioni che sono cadute in prescrizione. 

Ecco l’elenco iniziale degli imputati che andrà adesso aggiornato: Salvatore Conti, Salvatore Russo, Angelo Sanfilippo, Anna Fiore, Salvatore Russo, Maria Giuseppina Maragliano, Gaetano Pollicino, Domiziana Maria Maragliano, Salvatore Maragliano, Antonino Maragliano, Giovanni Attardo, Cinzia Sacco, Giuseppe Galvano, Giuseppe Vincenzo Terrazzino, Paolina Sacco, Vincenzo Vella,  Anita Gattarello, Pietro La Rosa, Calogero Ciulla, Salvatore Catalano, Alfonso Pistone, Margherita Cuffaro, Salvatore Vullo, Antonio Bentivegna, Ludovico La Marca, Francesca Tornabene, Sharon Ciffa, Luigia Chiara, Giuseppe Maragliano e Giuseppe Vella.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento