rotate-mobile

Blitz antidroga “Piramide”, il maggiore La Rovere: "Attivati gli anticorpi contro il virus dello spaccio”

Questa mattina alla caserma "Biagio Pistone", conferenza stampa per illustrare i dettagli dell'operazione che ha portato all'esecuzione di ventisei ordinanze cautelari

Durante il lockdown, con l'autocertificazione in tasca, si incontravano nel piazzale di un supermercato per comprare la cocaina. Attività di spaccio che sarebbero avvenute anche durante le fasi di ricollocamento dei carrelli per la spesa e che sarebbero state immortalate dagli impianti di videosorveglianza dell'attività commerciale. Questo è uno dei particolari emersi durante la conferenza che, al comando provinciale dei carabinieri di Agrigento è servita per illustrare i dettagli della maxi operazione antidroga che ha portato all'esecuzione di ventisei ordinanze cautelari a carico di altrettanti indagati residenti fra le province di Agrigento e di Caltanissetta accusate, a vario titolo, di detenzione, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti.

"Fiumi" di cocaina e hashish fra le province di Agrigento e Caltanissetta, scatta la retata: eseguite 26 misure

“L'obbiettivo è quello di dimostrare che lo Stato è presente che non ci sono zone d'ombra e anche in situazioni difficili, come nel periodo del lockdown con i tentativi di portare avanti queste attività di spaccio ma che noi, attuando i nostri anticorpi abbiamo disarticolato queste manifestazioni illecite”. Queste, ai microfoni di AgrigentoNotizie, a margine della conferenza, sono state le parole del comandante della compagnia carabinieri di Agrigento il maggiore Marco La Rovere.

"Spacciavano al supermercato durante il lockdown", i particolari dell'operazione "Piramide"

Video popolari

Blitz antidroga “Piramide”, il maggiore La Rovere: "Attivati gli anticorpi contro il virus dello spaccio”

AgrigentoNotizie è in caricamento